PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Loro sono morti perché noi non eravamo abbastanza vivi!

Nero. Nero come la pece.
Buoi intorno, buio dentro, buio persino nella giornata di sole più splendente.
Atroce come la peste, dispersiva come una fitta foresta traforata dalle tenebre notturne, cinica e spietata come la morte, dura come una sconfitta: una battaglia combattuta e persa. Persa con la vita, col mondo, con te stesso, te che non sei te, te che diventi altro.
Te che sei malato di un morbo che si chiama mafia: un morbo che si può guarire, un morbo di cui non puoi morire.
Non fare la vittima, lotta!
Cambia quel maledetto colore, cercane le sfumature, non ti piegare dinnanzi alla tua stupidità: rimboccati le maniche!
Capisci!
Capisci il significato delle parole, pensaci, comprendile!
Che cos’è la mafia? Te lo sei mai chiesto tu che di questa vivi? Te la sei mai posta questa domanda?
Mafia è prepotenza, arroganza, violenza. Mafia è stupidità umana, è ignoranza. È un crimine predisposto a fare del male. È una sorta di legge che viene tramandata di generazione in generazione, quasi fosse un testimone da portare avanti costi quel che costi.
Rifiutati, dici: “no, io non voglio essere come voi! ”, non ti lasciare intimorire o intimidire: c’è chi ti aiuterà. Non seguire le “orme” di tuo padre, di tuo nonno, dei tuoi zii, di tutta la tua famiglia, sentiti forte e fiero delle tue azioni, vincendo in maniera diversa: abbattendo quel vano “orgoglio” che tramite determinati atti, hanno alimentato.
Però, se non porgi la mano, tutto è inutile. Cambia ruolo!
Mettiti dalla parte di chi ti vuole aiutare, chi credi sia il tuo “avversario” e, invece, non lo è.
C’è chi lotta, chi ha lottato e chi sempre lo farà. C’è chi, di questa bellicosa battaglia ne fa il pane quotidiano, ci crede, certo che un antidoto a tutto ciò si possa trovare, si deve trovare! Lo fa a costo di perderci la vita, a costo di morire pur di aver lottato, di aver combattuto, di non essersi arreso.
Ci sono uomini che hanno confidato in ciò, profondamente.
Tanti i nomi, tanti scomparsi, tante le battaglie che non si sono fermate di fronte a nulla. Borsellino, Falcone… Vittime innocenti, che hanno avuto come unica colpa quella di crederci.
Tanti i nomi e cognomi alcuni conosciuti, altri meno, ma comunque da non dimenticare.
Da tenere stretti ai nostri cuori nonostante, questo, non basti a farli tornare in vita.
Chi li restituirà alle famiglie, alle loro mogli, ai loro figli? Chi?
Nessuno. Non torneranno. Ne rimane solo il ricordo che, unito al pensiero, si rivelerà una “pozione magica” capace di tenerli ancora tra noi, non lasciandoli andare via.
Grandi uomini, oltre a quelli conosciuti e nominati miriadi di volte, rimangono nascosti nella memoria: magari ne ignoriamo persino i cognomi, senza sapere che, proprio loro, hanno tracciato parte di questo percorso importante che, quotidianamente, ci accingiamo ad intraprendere.

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Jessica Mastroianni il 06/05/2009 14:11
    é forte, lo so, ma la stessa forza, è necessario che la trovi anche il mondo stesso per avere la meglio!
  • Anonimo il 06/05/2009 12:54
    Forse è solo un sogno. Noi dobbiamo farlo realizzare, ma la ressegnazione a volte è più forte.
  • Jessica Mastroianni il 06/05/2009 12:21
    Perchè rassegnarsi se la si può combattere?
  • Anonimo il 06/05/2009 11:51
    Mafia e' complementare alla paura e corrutibilità dell'uomo.
    Per cui, rassegnamoci.
    Bel pezzo, scritto bene, ma leggo rassegnato.
    MAx

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0