accedi   |   crea nuovo account

Uno strano incontro

Una sera verso mezzanotte, dopo aver visto i miei amici, stavo tornando a casa. Mi avvicinai al portone del mio palazzo e presi le chiavi per aprirlo. Da un angolo del palazzo appoggiato al muro vidi un uomo che mi guardava, scartai l’ipotesi che fosse un ladro perchè era vestito con molta eleganza. Portava il cappello i guanti ed un bastone e mi sorrideva in un modo un po’ strano.
– Ehi ragazzo – mi disse – non mi riconosci?
– No, – gli risposi – non vi ho ma visto prima d’ora.
– Ci siamo incontrati un paio di volte, ma tu eri ancora piccolo avrai avuto un sei, sette anni. Sono il fratello di tuo padre. – Mi avvicinai e lo guardai meglio e ad un tratto mi ricordai di averlo veduto in qualche foto con mio padre.
– Si, mi sembra di avervi visto in qualche sua foto.
– Sei cresciuto ragazzo mio, adesso devi avere vent’anni se non sbaglio?
– No, ne ho ventisei, volete salire in casa zio, mio padre sarà molto felice di vedervi!
– No, passerò a trovare mio fratello un altro giorno. Volevo vederti e passare qualche ora con te, se per te non è troppo tardi.
– Ma che dite zio, sarà un piacere passare un po’ di tempo con voi.
Vieni con me allora, tra un’ora ti riaccompagnerò a casa. – Chiusi il portone del palazzo e lo seguii.
Camminammo molto, mio zio mi raccontò tutto quello che aveva fatto negli ultimi vent’anni. Mi disse che aveva lavorato e viaggiato tantissimo. Che i suoi sacrifici erano stati premiati e che era diventato molto ricco. – Vedi ragazzo mio basta conoscere le persone giuste, il segreto è tutto qua.
– E come si fa zio a conoscere le persone giuste?
– Ah ah ah bella domanda figliolo. Come ti ho detto prima, ho viaggiato parecchio ed ho incontrato molte persone, adesso mi basta un solo sguardo e mi accorgo se un uomo può farmi guadagnare dei soldi. – Ero affascinato da mio zio, il suo modo di esprimersi, la sua gestualità, ma soprattutto il suo sguardo aveva qualcosa di strano, come di uno che avesse visto o fatto le cose più inimagginabili.
– Ti voglio raccontare come è cominciata la mia fortuna. Una sera di molti anni fa mi trovavo in un bar e stavo prendendo una delle mie sbronze colossali, avevo già finito una bottiglia di vodka quando mi si avvicina un uomo. Io allora ero molto povero mi guadagnavo quel poco da vivere scaricando delle casse al porto. Bene, quest’uomo molto elegante e dall’accento dell’Europa dell’Est mi domanda se voglio guadagnarmi qualche soldo facile facile. Gli rispondo di si.
– Usciamo – mi dice e mette qualche moneta sopra il tavolo. Io lo seguo. Fuori dal locale gli domando di che si tratta.
– Devi solo caricare delle casse su una carrozza una volta la settimana e buttarle in mare, tutto qua.
– In mare, dove esattamente? E cosa c’è nelle casse?

12

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 11/05/2009 21:10
    Particolare e ben scritto... complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0