accedi   |   crea nuovo account

La Veranda

Era seduto in veranda, come tutti i giorni, sulla sua amata poltrona fra le coperte di lana che gli trasmettevano quel tepore tanto confortante quanto agoniato alla fine della solita noiosa giornata di lavoro, era li che osservava il sole tramontare lentamente assoporando ogni instante di quella calma serata primaverile e come ogni giorno il pensiero volava a lei, era incredibile la puntualità di quell'evento, non riusciva a capire se fosse masochista o semplicemente stupido, lei gli mancava da morire, un dolore fisico nello stomaco, un pugno secco e doloroso ma allo stesso tempo incomprensibile, perché erano ormai passati molti anni da quando lei con quella mano tanto soffice lo aveva prima sfiorato sulla guancia per poi, con occhi colmi di lacrime, voltarsi e incamminarsi sul ciottolato che portava al cancello di quello che un tempo era la loro casa, lasciandolo li su quella stessa veranda in cui ora si trovava; un refolo di vento lo distolse da quell'immagine tanto cara quanto dolorosa e gli ricordò amaramente che il sole era ormai tramontato e l'umidità incombente non era per nulla la benvenuta per le sue quattro zampe, così tristemente, tornò in casa con la certezza, propria della sua indole, che domani sarebbe stato un giorno migliore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 01/06/2011 19:53
    Dolcissimo
  • Wiz Wizard il 11/06/2009 14:08
    grazie a tutti... punti o non punti..
  • Anonimo il 02/06/2009 21:29
    sembra una scena di film... romantico.. drammatico...
    Bello però! Bravo maghetto!
  • Anonimo il 02/06/2009 21:29
    sembra una scena di film... romantico.. drammatico...
    Bello però! Bravo maghetto!
  • Anonimo il 31/05/2009 16:38
    bella bella.. concordo con Klo1980.. i punti farebbe quasi vivere il tuo racconto..
  • Anonimo il 23/05/2009 00:47
    Peccato per la mancanza di punti.
    Darebbe più respiro al racconto.

    K.
  • Anonimo il 19/05/2009 10:03
    Molto originale anche se triste..
    Complimenti!.. Emy
  • Tobias Wallace il 13/05/2009 19:27
    Carino, scorrevole...
  • Anonimo il 13/05/2009 16:24
    condivido Sophie... bello... bello...
  • Anonimo il 13/05/2009 10:21
    È bellissimo... bellissimo... molto commovente e ben scritto... si avverte il dolore dell'abbandono. Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0