accedi   |   crea nuovo account

Desideri assopiti

Vi siete mai chiesti cosa sono i sogni e cosa significano? … Io si molte volte. Per me i sogni sono le paure che abbiamo oppure i desideri che vorremmo realizzare. Questi però ci vengono mostrati dal nostro cervello, mentre dormiamo, in strane immagini che poi bisogna interpretarle per capirle.
Ho sempre pensato che il miglior interprete dei nostri sogni siamo noi stessi, perchè chi meglio di noi conosce le cose che ci fanno paura oppure quelle che desideriamo. Nei miei sogni è sempre notte, cammino con passo spedito e con una valigia in mano in una via solitaria. Guardo sempre in giro, forse per la paura di venir fermato da qualcuno.
La strada è in salita e ogni tanto devo fermarmi per riposare e riprendere fiato. Ogni due, trecento metri c’è una villetta, qualcuna ha le luci accese altre no. La via che percorro è piena di alberi e le ville sono tutte ben tenute, si vede che ci abitano persone agiate. Io continuo a salire, sono vestito in giacca e cravatta ed ho in mano una valigia di pelle marrone scura.
Mentre cammino passa un’auto della vigilanza, si ferma, scende un uomo in divisa e mentre si avvicina toglie la sicura alla custodia della pistola. Mi saluta chiamandomi dottore, io non sono un dottore, comunque rispondo al suo saluto. Poi mi chiede se abito lontano e se ho bisogno di un passaggio per tornare a casa. Io lo ringrazio e gli dico che sono quasi arrivato e che non si disturbasse.
Lui mi dice di fare attenzione che ci sono molti ladri in giro e ultimamente ci sono stati molti furti in parecchie case. Dopo di che saluta, sale sulla sua auto e riparte. Io tiro un sospiro di sollievo perchè mi mettono sempre un po’a disagio questi uomini in divisa. Continuo a salire e dopo circa cinque minuti mi fermo davanti ad un cancello, prendo le chiavi dalla tasca e lo apro.
Le luci della casa sono tutte spente, mi avvicino alla porta d’ingresso prendo le chiavi, ma questa volta la porta non si apre provo con altre chiavi e finalmente riesco ad aprirla. Entro in casa e chiudo la porta, ad una prima occhiata mi accorgo che in casa non c’è nessuno. Accendo le luci, guardo l’orologio, sono le due di notte. Attraverso un corridoio e due stanze, poi entro nello studio e appoggio la valigia sulla scrivania.
Alla parete dietro la sedia della scrivania vi è un quadro, mi avvicino e lo tolgo, dietro c’è una cassaforte. Dopo che l’ho aperta prendo tutti soldi contanti e li metto nella valigia. Chiudo la cassaforte, rimetto il quadro al suo posto, spengo le luci ed esco di casa. Rifaccio la strada da dove sono venuto. Non lo so che cosa devo fare con quei soldi e perchè sono andato di notte a prenderli. Il sogno finisce qui.
Dopo un po’ mi sveglio e sorrido, ho subito interpretato e capito il mio sogno. Ho sempre desiderato aprire una cassaforte e trovarvi molti soldi, e poi la paura delle guardie beh … noi del mestiere ce l’abbiamo sempre.

18/02/08

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 18/06/2009 14:53
    Stile un po' macchinoso... cmq la paura delle guardie mi ha fatto sorridere.. napoletano doc.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0