username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La tazza di tè - un viaggio con la mia Alice

Sono seduta sulla mia poltrona con in mano una tazza di tè.
Quel tè cinese, comprato sabato scorso in un buffo negozietto orientale.
La testa mi gira un po’, il cuore pulsa come un metronomo impazzito.
Una nebbia densa cala sui miei occhi e, di colpo, mi ritrovo risucchiata dal vortice creato dal cucchiaio nella tazza.
Apro gli occhi e mi ritrovo a navigare in un mare color ocra sopra una foglia di tè.
Il cielo bronzo abbaglia con mille pagliuzze dorate.
Tutto scorre lentamente, sospeso, immobile.
Un vento tiepido ed aromatico mi spinge verso est.
D’un tratto appare, tra la setosa foschia color rame, la sagoma di un’isola.
Mi viene incontro (o sono io che vado verso di lei?) sempre più vicina.
Non riesco ancora a distinguerne i dettagli, pur sentendola famigliare, ma inizio a scorgere la spiaggia, la mia meta.
Immagino di essere già arrivata e di sentire il tepore della sabbia soffice sotto i piedi.
Quando giunge al mio orecchio un suono.
È una melodia, un canto ambrato che si avvicina a sfiorarmi i capelli e dal quale non riesco più a slegare la mente.
Ed ora La vedo.
È lì, davanti a me, trai flutti salati.
Mi guarda con i suoi occhi color del mare in tempesta, unica macchia di vero colore in questo surreale mondo dipinto nei toni della terra.
Continua a cantare e la spiaggia si fa sempre più lontana.
E la mia foglia galleggia rapida verso quella voce.
Tappo le orecchie con le mani, pur capendo che il mio gesto è ormai inutile.
Chiudo gli occhi nell’attimo in cui vengo inghiottita.
E d’un lampo mi ritrovo seduta sulla mia poltrona.
Con la tazza di tè tra le mani.

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 02/04/2012 14:46
    viaggio immaginario tra reale ed irreale

5 commenti:

  • enrica. c il 22/07/2013 12:38
    mi piace il tuo racconto... il viaggio irreale diventa realtà quando arricchisce la nostra sensibilità,.. concedimi una battuta^^, io farei analizzare quel Tè cinese..(vorrei quella ricetta) ciao
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 26/09/2009 16:43
    mi è piaciuta perchè parla di una visione d'immaginazione quasi aiutata dalla voce di una pianta che t'ipnotizza hehe
  • Anonimo il 05/08/2009 07:26
  • Anonimo il 22/05/2009 19:18
    È meravigliosa... come una calamita attira fino alla fine... dolce canto di sirena... bravò!!!!
  • Anonimo il 22/05/2009 00:48
    bellissimo viaggio tra reale ed irreale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0