accedi   |   crea nuovo account

Uomopasticca

Un giorno sei lì che cammini per strada fischiettando, quello dopo ti ritrovi in un cazzo di labirinto inseguito da fantasmi.

Paco ha appena compiuto 25 anni.
Dal 1980, quando è nato, ne son passate di auto sotto i ponti.
"Un quarto di secolo, bel traguardo" gli aveva detto sua mamma, per telefono, il giorno del suo compleanno.
Nonostante la soglia appena raggiunta, l'età di Paco, Pac per gli amici, non è così facilmente decifrabile. La sua testa è liscia e completamente rasata. Si fa la barba anche più volte al giorno con un rasoio di quelli vecchi che usano i barbieri e, nella doccia, si rade anche la testa. Ha una specie di fobia per i peli, appena ne vede uno fa ogni cosa in suo potere per eliminarlo.
Poi, a dirla tutta, i capelli, che una volta scorrevano folti e fluenti fin sulle spalle, piano piano lo stanno abbandonando ed una bella stempiatura ha iniziato a far capolino qualche anno fa e, nella sua eterna lotta contro l'esercito dei capelli, sembrerebbe avere la meglio.
La sua carnagione è sul giallo, e non sa perchè sia di quel colore. Forse è nato così. Forse la colpa è di tutto l'alcool che ha ingurgitato nell'ultimo periodo e il fegato, tentando di sopravvivere, ha deciso di comunicare la sua contrarietà con quel sano colorito.
La memoria incomincia ad abbandonarlo ed i ricordi affondano gradualmente, sgualcendosi, fino a sciogliersi nella materia cerebrale, come una canoa di legno in un oceano d'acido verdognolo.

Pac è un tipo solitario.
Forse solitario non è l'aggettivo adatto, sarebbe meglio dire che egli non ama stare tra la gente, non gradisce la compagnia delle altre persone o, forse, ne ha semplicemente paura. Pensa sempre che chiunque possa ferirlo, deriderlo, tradirlo o, alla meglio, ucciderlo.
Così ha smesso di avere amici sin dalla sua fanciullezza e, appena è stato in grado, ha deciso di andare a vivere da solo in una piccola città immersa nell'oscurità.
Ogni giorno, esce di casa e, a testa bassa, incomincia a camminare per le strade sentendosi come all'interno di un labirinto. Non sa dove portano le strade che intraprende e, quando davanti a sé trova un muro, cambia semplicemente direzione.

Pac ama mangiare.
Da sempre è stato il suo vizio; non tanto il mangiare quanto l'essere ingordo, il fagocitare qualsiasi cibo in qualsiasi ora del giorno e della notte. Che sia un kebab, un involtino primavera, un piatto di pasta o una piccola pallina gialla a lui non fa alcuna differenza.
Non si sofferma sul sapore, sull'odore, sulla consistenza o sulle considerazioni economico-socio-politiche che ogni pietanza può avere alle spalle. Cammina per strada e mangia appena può e come può.
L'unico alimento a cui presta attenzione è la frutta. Pac va matto per qualsivoglia tipo di frutta. Ciliegie, fragole, arance, mele, uva. Ogni giorno si fionda al negozio di frutta qualche secondo dopo che la serranda è stata tirata su. Si fionda sulle cassette piene di odori e colori e ne fa incetta fin quando il suo stomaco lo prega di fermarsi o qualche altro cliente fa il suo ingresso, spaventandolo a morte.

12

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/03/2013 18:02
    ... molto bello ed emozionante,
    complimenti...

1 commenti:

  • Anonimo il 11/06/2009 00:19
    ben scritto, piaciuto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0