username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dal finestrino

«Cosa ti manca? », gli domandò lei, rompendo il silenzio.
Oltre il finestrino il paesaggio scorreva veloce, impregnato dalla pioggia e privo di ogni colore: sembrava un film in bianco e nero.
Si voltò a guardarla. I suoi occhi verdi erano come un accordo stonato in quel mattino uggioso. Provò a sorriderle e in parte ci riuscì; lei gli sorrise di rimando.
«Il problema non è cosa mi manca, ma cosa ho».
«Hai paura? »
«Forse si. Ma alla fine va bene anche così».
Aprì la bocca per dire qualcosa, ma la richiuse e sorrise scuotendo la testa.
Aurora poggiò una mano sul suo ginocchio e strinse delicatamente.
«Cosa c’è? » gli chiese.
«Nulla. Stavo per dirti che ti amo, ma non lo farò».
«Meglio. Perché io non lo voglio sentire».
«Perché? Hai paura tu adesso? »
«Forse si».

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 05/02/2010 19:06
    Poche righe per descrivere un attimo... ma quell'emozione ha fermato il tempo, e il tutto acquista un valore intrinseco. Bello.
  • Ivan Bui il 31/01/2010 22:25
    L'ho riletto perchè mi sembrava mancasse qualcosa, poi ho pensato che é inutile cercare ciò che non c'è ... soprattutto se quello che leggi ti rfegala una emozione. Scritto benissimo.
  • Anonimo il 26/01/2010 07:46
    Capito! Credo comunque che dal tuo modo di scrivere e raccontare é proprio quella sensazione che dai a chi legge! "Il prima ed il dopo"!. Riprovaci, sono convinto che ci riuscirai.
    Buon lavoroi, veramente!
  • Giancarlo Stancanelli il 25/01/2010 18:01
    Hai ragione, ma è una cosa in parte voluta e in parte no. Chiaro, no? ^_^
    Mi spiego: questo è un piccolo stralcio tirato fuori da una cosa più grande che mi sto divertendo a scrivere, a tempo perso naturalmente. Quindi devi tenere conto che c'è un prima e un dopo.
    Ho anche provato a inventarmi dei "prima" introduttivi, ma non erano mai un granchè. E l'ho lasciato così, scaraventando i personaggi all'interno della situazione.
  • Anonimo il 25/01/2010 14:47
    Molto fluido, servirebbe un incipit, il tutto sembra cascare! Ma forse era questo il tentativo!
  • Anonimo il 28/06/2009 14:38
    Efficace ed intenso..
    Letto con piacere.
    Ciao.. emy
  • Giuseppe Tiloca il 26/06/2009 22:23
    Anche questo breve racconto mi ha colòpito molto, sempre amore, solo che qui si tratta di dire ti amo... ma non si riesce!
  • Giancarlo Stancanelli il 21/06/2009 19:57
    No, non lo è. O meglio, lo è in parte, nel senso che è così che sarebbe dovuta andare, nei miei sogni... ^_^
  • rainalda torresini il 21/06/2009 11:31
    È impegnativo dire "ti amo" e più importante è provarlo con i fatti... autobiografico?
  • Anonimo il 15/06/2009 14:25
    mi piace moltissimo. adoro la forza delle cose concrete in mezzo all'arte della poesia e della prosa ed è difficilissimo farlo. e me lo sono immaginato. ed è veramente cosi. complimenti. veramente bello.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0