username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tormentati

Era invisibile il suono, la sua pelle era avorio nella notte. Restava poco tempo per l'alba, ma a cosa serviva continuare ad aspettare. Il sole sarebbe tornato comunque, senza lui, senza nessuno che potesse fermarlo. Nelle vene bruciavano le lacrime che aveva pianto sulle sue braccia, tra i capelli sostavano urla. Disumane. Le mani sulla bocca a soffocare quei gemiti. Troppo umani. Abbassò le palpebre, pupille diradate in quelle ombre così fredde. Sul polso un bracciale. Tra le dita una matita, le piaceva giocare all'artista. Strusciò il piede sull'asfalto, contatto con la terra urbanizzata. Città, luce di neon in movimento, morire. Gusci di anime che camminano, che ora è? Una panchina bagnata, le gocce che sembrano improgionare piccoli globi di luce dorata. Cadono, l'erba le accoglie, tu puoi fermarle? Dieci e trenta. Rumore di rumori. Fermati, ascolta, respira. Occhi che vogliono aprirsi. Il vento non vuole fermarsi, ha paura di cosa possa succedere quando sarà tutto finito. Non lo vuole calmare, non lo vuole fermare. Gli angeli saranno li a guardarli come nei film, le ali alzate e ferme al dolce nido. Ma cosa ne sia delle tua grida. Disumane? Appartieni alla razza dei fragili. Puoi spezzarti. Cadere. Morire. Come tutti. Ma il suono può rendersi invisibile, si accalca tra le pieghe dei pantaloni, puoi camminare ancora. Ruote che sgommano, portiere che si aprono, una vena che continua a palpitare piano, come un canto che sta per finire. E ho paura mentre te lo dico. Città, fuori dalla finestra. Luci che voglio spegnere, morire? Ormai è tardi.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Claudio Tuccillo il 29/06/2010 23:09
    Qui centra ben poco la prosa o lo stile. Rendere reali sottoforma di parole le emozioni e le sensazioni è quello che questa ragazza sa fare. Hai un gran dono mery...
  • Musa Alienata Inquietante il 24/06/2009 17:03
    Grazie veramente, ma questa (benchè l'abbia scritta io) la ritengo più del mio amico che è andato via... È stato lui a guidare la penna... Andrea <3
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 24/06/2009 13:43
    brava!!! niente altro da dire
  • Musa Alienata Inquietante il 22/06/2009 17:55
    Grazie ancora
  • Anonimo il 22/06/2009 16:05
    È davvero molto bello stilisticamente.. Lineare. Tema profondo reso in maniera molto realistica con immagini molto suggestive
    Complimenti!
    Emy
  • Musa Alienata Inquietante il 21/06/2009 21:47
    Grazie, questa l'ho scritta pensando alla morte di un mio carissimo amico... Lui mi ha ispirato tutto, è quasi come se l'avesse scritta lui attraverso le mie dita.
  • augusto villa il 21/06/2009 21:34
    Anche questo... molto ben scritto...
    Questo è più prosa... ma molto molto poetico... Sei veramente brava!
  • Musa Alienata Inquietante il 20/06/2009 11:57
    Grazie, ne sono davvero lieta...
  • Anonimo il 19/06/2009 23:58
    molto bello letto con piacere

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0