username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

tu!

Ti prego non farmi piangere.
Ti prego, non farlo...
sento già il freddo gelido della paura scorrere veloce lungo la mia schiena...
e quell'odore... l'odore della paura... il mio passato... gli attacchi di panico...
io non piango... non piango... non piango... non so piangere...

<<e ora cos'altro vuoi?>> la mia voce era lontana, insolitamente acuta, ma ferma, forte, sicura...
non sembrava la mia...
<<cos'è quel tono di sfida?>>. Il solito. Non era cambiato. 5 anni. 5 anni erano passati dall'ultima volta che ci siamo visti... ma, a parte qualche pelo in più sul volto, non era cambiato. Lo stesso sguardo limpido di quando aveva 21 anni... gli stessi occhi... profondi e penetranti...
<<bé allora? Non mi saluti? Non ci vediamo da quanto..?! 4? 5 anni?>>... non sapeva proprio contenersi... il solito idiota... il solito stupido... inopportuno, dissacrante, imprevedibile cretino...
<<non ci vediamo da 5 anni... quando te ne sei andato non mi hai neppure detto “ciao”... in 5 anni non una mail, un sms, una telefonata o un biglietto o qualunque altra cosa... niente! Niente! Ora che vuoi da me?>>
La mia voce era forte, rabbiosa, era... era come non mi aspettavo che fosse... era insopportabilmente espressiva... non doveva essere così... non era giusto dargli questa soddisfazione... io non provavo più niente per lui... niente!!!
ma lui... lui ha sempre avuto quest'effetto su di me... non posso mentirgli... non riesco a nascondergli neppure le cose che non so...
d'un tratto, prima che me ne accorgessi, me lo trovai a fianco... addosso...
le sue braccia mi stringevano forte... la mia bocca affondava nella sua spalla... e tutte le lacrime che non sapevo di poter piangere, iniziarono a sgorgare feroci, ad inondare le mie guance rosse...
ora la mia voce era scomparsa... le parole erano sparite... l'odore violento della paura era stato sostituito dal suo di odore... il suo odore... c'era da perdersi... amavo quell'odore... l'odore di casa...
<<se non ti ho detto niente è perchè ti voglio troppo bene... non volevo farti soffrire, non...>>
slash!
Lo schiaffo risuonò sonoro in quello spazio scomparso sotto quel turbinio di passioni contrastanti, violente... negate per troppo, troppo tempo...
<<quante donne ti sei scopato eh? A quante hai detto che le amavi? A quante eh?... ora che vuoi? Che vuoi? Io ho la mia vita, tu non ne fai parte! E non mi importa delle stupide scuse che inventi! Ti conosco! Lo so quanto sai mentire quando vuoi! Sei solo un egoista! Io provo questo, io sento quello... ma ti sei mai chiesto cosa provo io? Te lo sei mai chiesto cos'ho provato? Non ricordi neppure quand'è stata l'ultima volta che ci siamo visti... cosa pretendi ora della mia vita? Ti sei divertito fin troppo... io te l'ho permesso... ma ora basta... hai capito?! BASTA!!>>

12

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Aedo il 17/03/2010 23:58
    Un racconto ben scritto dal ritmo incalzante e con un finale a sorpresa. Brava!
    Ignazio
  • Ivan Bui il 20/08/2009 14:40
    ... grande intensità, ritmo sostenuto, incalzante, forse un po' troppo caotico nella forma, non sempre si colgono i "passaggi" ... brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0