PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Ragazza sul Metro'

Il tram è di quelli che corrono sottoterra.
Fa' un rumore infernale, i finestrini abbassati fanno fischiare l'aria proprio come un lamento sottile e persistente proprio all'altezza delle mie orecchie.
Sono seduto vicino alle porte di accesso, appoggio un gomito sul corrimano ad angolo, tengo le gambe distese, una ragazza vicino a me preme lievemente contro la mia spalla e traffica col suo cellulare mascherando con la coppa di una mano quello che sta' scrivendo.
Ho ancora parecchie fermate davanti a me, osservo...
Il treno inchioda alla fermata successiva e poi riparte con fragore, sferraglia.
La ragazza appena salita si guarda intorno e poi si siede di fronte a me.
Il mio sguardo si alza dal pavimento ed incrocia un paio di sandali allacciati sui polpacci da sottili fili di cuoio scuro. I piedi sono freschi di cure con una french sottile di mezzalune lucide e posso cogliere i riflessi dello smalto trasparente appena applicato. Una gonna leggera a fiori con patch di tessuto jeans le cade proprio sotto le ginocchia.
Osservo.
Le sue mani trafficano nella borsetta e ne esce un piccolo beauty di servizio rettangolare di colore scuro con le iniziali di Cartier. Le due C contrapposte brillano davanti ai miei occhi come anelli di una catena spezzata.
Con un bastoncino sottile si passa un glossy trasparente sulle labbra stirandosi i lati della piccola bocca, è molto diligente a riempire il contorno del trucco permanente e alla fine si guarda in quello che immagino sia uno specchietto che le sta' di fronte. Poi compare un pennellino setoso che le ravviva gli zigomi di una cipria leggera e chiara che vedo svolazzare e cadere in minuscole particelle intorno alla cornice del suo viso.
I capelli biondi vengono riordinati e ravvivati ed infine appoggiati diligentemente dietro il profilo delle orecchie che non mostrano alcun segno di buchi.
Ancora un'occhiata allo specchietto e poi il beauty scompare in una borsetta morbida a tracolla di pelle scamosciata di un rosa confetto. Ne esce un'agendina rossa, alta e rettangolare, legge qualche appunto e ne rimarca altri.
Immagino sia il suo appuntamento.
Immagino che ora si senta a posto, pronta.
La vedo trafficare con un qualche cosa sotto l'incavo di entrambe le ascelle attraverso la camicetta di seta scura.
Immagino sia un po' nervosa.
Al polso porta un bell'orologio di acciaio e oro, mi sembra un Rolex Datejust, non è della sua misura, le scorre ben oltre il polso sottile.
Immagino che sia dell'uomo che la sta' aspettando.
La vedo così sprofondata nel sua seduta, perfetta dai piedi alla punta dei capelli, precisa e patinata che corre incontro al suo appuntamento.
Le porte si aprono con uno sbuffo, è la mia fermata. Lei mi precede nell'uscita.

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 15/07/2009 21:27
    Un bel fantasticare su scorci di vite altrui... a volte lo faccio pure io
    Raccontino delizioso. Piaciuto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0