accedi   |   crea nuovo account

Quello che ama gli uccelli

Come ogni volta, quando mi sentivo solo e lontano dal mondo nel quale vivevo, mi ritiravo in un piccolo parco della periferia della città. Là c’era tanto silenzio e potevo ascoltare la mia anima che piangeva. Ero così triste perché non potevo sfuggire alla povertà, a quella vita senza gioia e brutta. Avevo comunque una gioia: in quel parco c’erano tanti uccelli e il loro canto e il loro meraviglioso volo in libertà mi sollevavano un po’ dalla tristezza. Io tiravo fuori dalla mia tasca il pane, il mio cibo quotidiano, e lo dividevo con loro. Si raccoglievano intorno a me e mangiavano con tanto appetito le molliche. Poi mi salivano sulla testa, sulle braccia e iniziavano a intonare un canto struggente che mi penetrava nel cuore. Così trovavo la forza di andare avanti sui sentieri della vita.
Un giorno, quando davo da mangiare agli uccelli, dietro di me ho sentito un fruscìo, come se qualcuno stesse calpestando l’erba. Mi sono voltato e ho visto due occhi grandi e azzurri che mi guardavano con tanto piacere e ho avuto la sensazione che mi penetrassero nel cuore e lo accarezzassero.
Grande meraviglia! Gli uccelli non si sono spaventati e non sono volati via.
La ragazza si è seduta sull’erba di fronte a me. Pareva una maga venuta da un mondo di favola. Una voce calda mi ha chiesto come mi chiamassi. Io ho risposto che non avevo un nome, ma che ero quello che ama gli uccelli e il loro volo in libertà.
“Bella deve essere la tua anima, Quello che ama gli uccelli! Io ti seguo da tanto tempo e solo oggi ho trovato il coraggio di venire a parlare con te. Mi piacerebbe tanto che fossimo amici. ”
Subito la povertà si è risvegliata dentro di me, ha cominciato a battere i piedi, a urlare e continuava a tormentarmi. Era gelosa perché avrei potuto dimenticarla.
Agitato, mi sono alzato e, senza dire nessuna parola, sono fuggito. Sono fuggito con la vergogna nell’anima: non avevo il diritto di amare una ragazza così bella. Ho lasciato indietro i miei amati uccelli e quella ragazza che sembrava mi avesse letto nel cuore. Nella mia fuga mi è sembrato di sentire queste parole: “Domani devi venire qui, ti aspetterò. ”
Non so come, sono arrivato alla mansarda della casa disabitata, il mio rifugio. Mi sono buttato sul letto improvvisato e ho iniziato a piangere un pianto di disperazione. Quella notte non ho dormito, pensavo a quella ragazza che, come me, amava gli uccelli e il loro volo in libertà.
Il giorno dopo, verso sera, sono tornato nel parco e, nascondendomi, quasi fossi un ladro, sono arrivato nel mio caro posto. Non c’era nessuno, neanche gli uccelli, che erano andati a dormire. Appoggiata sull’erba, ho visto una busta. La luce della luna mi ha aiutato a leggere queste parole, scritte in bella calligrafia: “Per Quello che ama gli uccelli”. Ho messo in tasca la busta. Solo quando sono arrivato nella mansarda l’ho aperta. Dentro c’era una lettera che ho letto alla luce di una candela. Quella ragazza conosceva tutto di me, come se fosse stata mandata dalla mia vita. La lettera finiva con queste parole che non ho più dimenticato: “Il tuo destino non lo puoi cambiare. Io sono venuta per compierlo. Ti amo per la tua bella anima, Quello che ama gli uccelli! ”.

12

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 26/07/2009 03:05
    Bravo. Baci Lylly

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0