PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dreamin' Zapruder

Nel sogno sono sulla cima di una collina.
Il posto è incantevole, ci potresti portare la ragazza per fare un picnic romantico, all'ombra di una quercia secolare, in mezzo al verde dell'erba e ai colori di mille fiori diversi.

Chiudo gli occhi nel mio letto e qualche minuto dopo li riapro nel mio sogno, e vedo l'erba bruciata dal sole del tramonto e allora so di essere sulla collina.

Vanessa, la mia ragazza, lei è già qui da un pezzo. È sempre stata qui ad
aspettarmi.
Solo che non so dove sia.
Solo che non so sotto quale di queste lapidi si trovi.

Le lapidi sono settanta, una per ogni giorno che è passato dal suo funerale.
Quando sono nel sogno, non riesco a ricordarmi se sia successo davvero o se anche questo faccia parte del sogno.

Le prime volte che facevo questo sogno, avevo in mano una vanga. Ma me ne accorgevo solo verso la fine, e facevo tempo a scavare non più di una, due fosse sotto le lapidi, prima di risvegliarmi sudato e tremante, con ancora nella mente la sua voce che mi implorava di farla uscire, che l'avevano seppellita viva...

Il sogno è ricorrente, e già questo dovrebbe bastare a far di esso un incubo.
Ti lascia sgomento, aprire gli occhi e sapere già quello che succederà.
Fissare la luce del tramonto, osservare le bare, ascoltare la voce di Vanessa che ti dice che va tutto bene, che è tutto a posto... e poi renderti conto che hai tra le mani una vanga e che lei sta strillando di tirarla fuori prima che soffochi.

Solo una cosa cambia ogni volta: le fosse che ho scavato nei sogni precedenti non vengono mai ricoperte.

La scorsa notte c'era un filo di speranza nella voce di Vanessa. Mancano solo tre lapidi. Lei è sotto una di queste.
È come scegliere tra la busta uno, la due o la tre.
In una busta c'è Vanessa e finalmente saprò se è valsa la pena scavare tutte quelle fosse o se alla fine ad attendermi non c'è altro che un mucchietto di ossa ormai spolpate dai vermi.

Ma non c'era nessuna Vanessa in nessuna busta. Quando ho scavato anche l'ultima fossa, la sua voce ha smesso di parlarmi. Allora mi sono seduto su un mucchietto di terra e ho aspettato di svegliarmi. Ma quando ho riaperto gli occhi ero di nuovo sulla collina.

123

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 10/08/2009 16:43
    Chris, ovviamente i sogni non hanno una trama "reale" e il fantastico opera a pieno campo, coinvolgendo tante sensazioni ed emozioni, anche tra loro contrastanti e divergenti, che si uniscono e poi si distaccano repentinamente. Il mondo dei sogni è il regno dell'irreale e tutto, anche se inspiegabile, ha una sua logica (il bere o il fumare è una battuta, che hai ben compreso. Avevo appostO appostA la faccina ).
    La tua sceneggiatura è ricca e la scenografia spettacolare, a quando la proiezione?
    Però sta Vanessa, avendo toccato il livello massimo, vorrà rimanere la Lady del Premier *

    *ogni allusione è puramente casuale
  • sara zucchetti il 10/08/2009 11:19
    bravo è una bella storia avvincente, anche se triste. Sono sicura che vanessa è felice con il Signore e come dice lei va tutto bene. grazie per il tuo commento e grazie del consiglio me lo hanno già detto devo farci più attenzione tante volte sono presa del testo e trascuro anche questi punti importanti.
  • Christopher Robin il 09/08/2009 22:53
    x Vito Inchiappa: veramente non avevo fumato, quando l'ho scritto ero intorpidito dal sonno.
    Il racconto deriva in parte da un sogno che ho fatto e in parte dal testo di Posthuman di Marilyn Manson... il risultato è il racconto che hai letto, un qualcosa di volutamente onirico e probabilmente con qualche buco di sceneggiatura
  • Anonimo il 08/08/2009 12:51
    5 stelle per originalità... letto con piacere e d'un fiato... complimenti
  • Anonimo il 08/08/2009 09:33
    Mah. Vanessa che dice che tutto è a posto e poi vuole essere liberata. Non è che per caso alla guida dell'auto ci fosse lei? Ed è sicuro che nessuno di voi due avesse fatto uso di sostanze stupefacenti?
    70 giorni dalla sua morte, scoperte tutte le lapidi... di lei nessuna traccia ma le lapidi diventano 112 (non che per caso avevano l'aspetto di una Autobianchi Abarth?)
    La strada, rombo di motori, la limousine, gli elicotteri, Dio e Vannessa, divenuta la sua Donna.
    Non tentare di calunniare ancora il nostro Santo Leader. Gliene hanno assegnate troppe di Escort, ormai son fuori moda...
    Eppoi il tramonte del sole che secca i ciuri...
    Ma che sorta di film trasmettono?
    Un consiglio disinteressato: non fumare e distraiti diversamente che guardando filmdell'errore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0