PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Troppo tardi

Ogni giorno percorro la medisima strada... e ogni giorno il cartello stradale mi guarda chiedendomi "Perchè non svolti... perchè non affronti i tuoi timori?", "Timori? Non è vero, non sono timori è che è meglio così, troppi anni sono passati".
Ironia della sorte ora che abito da solo passo accanto al paese dove abita, la moto col bel tempo la moto è la mia fedele compagna di viaggio il cui rombo rompe il silenzio che nel casco regna quando passo accanto a quel cartello.

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Roberto Pellegrini il 14/05/2012 22:29
    Il non volersi mettere in gioco, potresti essere una di quelle persone alle quali poter chiedere... più rimorsi o più rimpianti?

5 commenti:

  • massimo di veroli il 16/12/2009 18:11
    Succede di rivivere situazioni passate anche vedendo un semplice cartello!
    bravo!
  • Anonimo il 21/08/2009 21:11
    Ricordi legati ad una strada, un semplice cartello stradale, una panchina... fanno riaffiorare emozioni, sensazioni passate.
    Ti capisco, succede anche a me e credo a molti.
  • Anonimo il 17/08/2009 00:52
    bello...
  • Anonimo il 14/08/2009 00:09
    bello anche questo. bravo
  • Anonimo il 10/08/2009 14:18
    bellissime sensazioni di ricerca di una strada da seguire... anima che ricerca la sua via

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0