PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

“Oh! Ahi! ”
“La smetta, signorina. ”
“Aaaah! No! Basta! ”
“Oh! Quante lagne! Neanche la stessi picchiando. ”
Le sue parole mi fecero rabbrividire. Come poteva pensare una cosa del genere? Non ci riflettei sopra molto, perché un altro dolore acuto mi perforò la testa.
“Ahia! Basta, stop! ”
Ormai ero sotto tortura da quasi un’ora, un’interminabile e massacrante ora. Come se ne sarebbe valsa la pena. E non c’era verso di fermarla; le sue mani giocavano, sbrigliavano, annodavano e intrecciavano ogni mia ciocca, facendomi urlare. A furia di mordermi i denti mi era uscito sangue, forse non era stata una buona idea. Ma quale idea era stata buona nelle ultime ventiquattr’ore?
Quella di organizzare una super festa all’americana piena di gente con la puzza sotto il naso, che ti squadra dall’alto al basso e ti lancia occhiate e commenti aspri perché non sei una alta uno e settanta, le tua gambe non sono trasparenti e non hai il naso perfettamente all’insù? O quella di invitare la famiglia di Dani, immaginando che venisse accolta con quanto più calore possibile da me? O forse quella di assegnare ad Agata il compito di uccidermi (cosa che, oltre ad essere impaziente di fare, le riusciva alla grande)? Più ci pensavo e peggio mi sentivo.
Alla fine mi ero arresa al volere di mio padre e alla brama di violenza della mia governante.
Così mi ritrovavo incollata su di una sedia a sentire i miei capelli, troppo fragili e certamente non abituati a simili manovre, morire uno per uno e cadere a terra. Mi immaginavo la pelliccia che avrei trovato ai miei piedi, una volta sopravvissuta.
Poi, d’un tratto, non sentii più alcun movimento sul mio tenero cuoio capelluto. Ma non volevo certo illudermi, presto il demonio sarebbe tornato all’azione.
“Ecco fatto. ”
No. Non ci potevo credere. Era finita! Alleluia! Un senso di sollievo mi colse. Ma non durò molto. Il “finito” era a dir poco relativo.
“Ben fatto. Ora manca solo il trucco e il vestito. ”
Appunto. Eravamo solo a metà dell’opera.
Per i successivi quaranta minuti ritornai nel ruolo della bambola di porcellana. La mia governante e un paio di aiutanti mi ronzavano intorno con pennelli, trucchi e cosmetici vari. Indossai il mio abito color avorio, lunghissimo e con un’ampia scollatura sulla schiena.
Ero in preda all’angoscia, forse caduta in depressione, quando la porta si spalancò improvvisamente. Osservai la sagoma, uno e ottanta per ottanta chili di muscoli. Un enorme sorriso si allungò da un mio orecchio all’altro.
“Jon! ”
“Ehi, piccola, sei un incanto. ”
“È tutto un trucco. ”
“È lo vedo bene, hai due strati di maschera. ”

12

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 12/09/2014 00:49
    Il tono scherzoso ha reso molto piacevole la lettura di questo breve ma intenso racconto. Stile e contenuto piaciuti.

3 commenti:

  • Anonimo il 06/06/2011 10:40
    Il tormento delle donne sono i tacchi. Perchè non tagliarli? In fondo sono come i baffi: un simbolo! Ma i simboli possono essere cancellati!
  • francesco lasorsa il 03/10/2009 15:48
    M'ha commosso ^_^
  • Alessio R. il 18/08/2009 16:58
    Mi ricorda qualche festa a cui sono stato "trascinato"... bello...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0