username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Progetto Martin

– Mi dispiace vederti sempre così triste Martin dimmi qual’ è il tuo problema forse posso aiutarti.
– Non so Steve mi sento solo sto sempre chiuso in questo laboratorio. Avrei bisogno di uscire di prendere una boccata d’aria fresca. Il fatto è che stiamo lavorando a questi nuovi circuiti integrati già da molto tempo e …
– Ti capisco Martin anche a me capita alle volte, ma hai sentito il capo dobbiamo terminare questi circuiti nel più breve tempo possibile.
– La scienza non può fermarsi – disse Martin.
– Hai ragione, sai Martin mi piace parlare con te sono contento che lavoriamo insieme.
– Anch’io la penso allo stesso modo. – Martin pensava di essere una persona normale non immaginava minimamente che fosse una macchina. Perfettamente costruita e simile in tutto e per tutto ad un essere umano.
La missione assegnata a Martin era quella di esplorare nuove galassie a bordo di una nave spaziale ed inviare tutti i dati alla terra. La partenza era prevista non appena i circuiti integrati fossero terminati. Ma una cosa inaspettata capitò prima della partenza. Martin stava controllando sul computer i circuiti di alimentazione della navicella spaziale quando sullo schermo apparve la scritta “Progetto Martin”
– Cos’è il Progetto Martin? Che mi state nascondendo, rispondimi Steve?
– Non preoccuparti non è niente di importante.
– Se è come dici allora non avrai nessuna difficoltà a darmi il codice di accesso.
– Non posso dartelo è un segreto militare, nessuno deve saperlo.
– Steve riguarda me, non costringermi a farti del male, dammi il codice.
– Senti Martin, vorrei potertelo dare ma non posso. Martin afferrò Steve per il collo e lo stava soffocando.
– Dammi il codice.
– Lasciami te lo dirò, la sequenza del codice è 001 Progetto Martin 0. – Non credeva più ai suoi occhi era una macchina proprio come quelle che costruiva. Preso dall’ira cominciò a distruggere tutto. Steve vedendo Martin diventare pericoloso prese la pistola che aveva nel suo cassetto e gli sparò alla testa. Quello era l’unico modo per ucciderlo. Dopo un po’ arrivo il dottor Walker.
– Ho dovuto farlo stava per compromettere la missione – disse Steve.
– Hai fatto ciò che bisognava fare nessuno può biasimarti per questo. Ma ora la missione non può essere più rinviata devi prendere tu il posto di Martin.
– Va bene dottor Walker, parto subito. – Steve si avviò sulla navicella spaziale accese i razzi e dopo un po’ divenne un puntino luminoso nel cielo e poi scomparve. Martin era una macchina perfetta solo il pensiero di non esserlo l’ha fatto impazzire. Anche Steve ha lo stesso e identico problema ma non andate a dirglielo, finirebbe per impazzire anche lui.

(1994)

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Claudia Ravaioli il 01/12/2010 21:28
    Piaciuto! Dai voglio saper che fine fa Steve...
  • luigi castiello il 20/08/2010 13:27
    bella storia! avevo intuito alla fine che anche steve era una macchina beh complimenti se fossi in te svilupperei un seguito
  • Antonino Benedetto il 05/05/2010 23:12
    Bel racconto, l'uomo è una macchina imperfetta!!!
  • Guido Ingenito il 22/04/2010 12:43
    Idea carina e lettura fluida
  • Massimo Zanardi il 16/01/2010 17:12
    Molto piacevole ed ottima idea
  • Marika Rig il 28/11/2009 22:05
    Martin era una macchina... Steve una macchina... e il dottor Walker lo era anche??
    Comunque carina scritta bene letta e votata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0