accedi   |   crea nuovo account

Amanti improvvisati

Essere un grande amatore è un'impresa difficilissima. Per tanti motivi, non ultimo, apparentemente banale, il fatto stesso di essere un uomo. Capire una donna non è affatto facile, ma è condizione necessaria affinchè le si possa dare piacere. Molti uomini, convinti di essere irresistibili, si propongono promettendo, più o meno esplicitamente, mari e monti. Alla resa dei conti, questi uomini hanno dei risultati davvero penosi. La donna non è lì a fare da parco dei divertimenti all'uomo, ma ha il pieno diritto di godere dei piaceri del sesso come soggetto attivo, non raccattando briciole, vivendo di riflesso il piacere del partner.
Un vero amatore, per prima cosa, deve ascoltare. Capire l'essenza della femminilità ed imparare a recepire i messaggi del corpo femminile. Adattarsi ai ritmi femminili come l'acqua si adatta alla bottiglia.
Bisogna perdere un po' di mascolinità, per essere un vero amatore. Questo non significa femminilizzarsi, ma significa acquistare raffinatezza, la tipica raffinatezza di pensiero propria delle donne. Solo in questo modo è possibile portare una donna a provare un piacere mai nemmeno immaginato. Un vero amatore non travolge, ma avvolge in un tenero e sensuale abbraccio la sua donna. Le carezze di un vero amatore sono lievi, come brezza, non sono mai troppo pesanti. Un vero amatore non è uno spaccamontagne, ma un uomo mite, sereno capace di accendere l'uragano nei sensi della sua donna, pur mantenendosi composto e raffinato. Essere un vero amatore è questione di pratica e abnegazione, ma soprattutto di talento e di carisma naturale.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 08/09/2009 20:53
    Basi di una preziosa Ars Amandi.
  • Fiscanto. il 07/09/2009 20:17
    Vero, Nadia. Normalmente è così. Infatti i veri amatori sono rarissimi, quello che intendo io va oltre... diciamo tre metri sopra al cielo! E molto difficile raggiungere queste vette. Diciamo è come la buona cucina e la cucina dei più rinomati chef francesi. È come un buon vino, ottimo, corposo e gustoso e bottiglie di vino da 5000 euro. Ecco... qui sta la differenza, tra chi lo fa "istintivamente" e chi con "carisma." Grazie del commento.
  • Anonimo il 07/09/2009 20:09
    Non so, ma penso che un amante si debba anche affidare all'istinto, lasciarsi andare alla passione senza preoccuparsi di eseguire il suo compito per benino. Trovo poco "intimo", il fatto che tu parli di prestazione, non è che uno debba fare un casting, dove tutto deve essere perfetto, senza sbavature,
    Un amante deve essere tenero, premuroso e impetuoso, quando sei con una donna che ti piace molto e tu piaci a lei, le cose vengono naturali, perchè in entrambi c'è il forte desiderio di appartenersi, di dare e ricevere, è un compenetrarsi nel corpo e nella mente.
    Almeno dal mio punto di vista femminile.
  • M. Vittoria De Nuccio il 07/09/2009 17:31
    ... Un vero amatore non travolge, ma avvolge in un tenero e sensuale abbraccio la sua donna. Molto interessante il tuo punto di vista...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0