PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Numero privato

La luce di casa tua era accesa. Non volevo, ma ti ho spiato. Mi son chiusa in un angolo a recitare per l'ennesima volta la parte dell'amante gelosa. Che sciocca! ormai è finita, e non so nemmeno perché mi intossico ancora con le tue bugie.
Hai smesso di chiamarmi_l'ho notato, sai? Del resto, cosa pretendevo ad essere una liaision parallela... doveva andare così: tu che tornavi da lei, ed io che sarò sempre l'altra, quella scomoda, quella che risponde alle tue chiamate col numero privato.
Me la son scelta la parte, perché credevo fosse una via alternativa alle porte del tuo cuore. Magari il tuo cuore resta aperto a metà. Non a me.
Lei sa di tutte quelle volte che mi hai stretta dicendomi che ti facevo impazzire? Di tutte quelle volte che lei non c'era e chiamavi me, dicendomi di raggiungerti a casa? Lei sa di quella volta sul terrazzo? Delle stelle, del miele, della tua Iacuzzi e della schiuma? Di quella sera in cui s'è rotta la collana e tutte le perline son rotolate sul tuo parquet di rovere. Scommetto sarai stato il resto della notte a cercare tutti i pezzi, perché lei non sospettasse nulla...
L'ultima volta ho avuto paura. Non te l'ho detto. Ho avuto paura che tutto finisse con quella sera.
-Posso salutarti in pubblico?
-Meglio di no, e se c'è lei, non guardarmi nemmeno, è troppo gelosa...
Rido perché lei ti crede un bravo ragazzo, un ingegnere rispettabile, che non pensa ma funziona. Ed invece i tuoi calcoli li sai far bene, e magari siamo almeno i tre nel tuo harem.
Oggi ho deciso di chiudere. Tutte le sere aspetto che mi chiami, ed ogni volta mi sento sempre più sola, più vuota, più usata.
Ti ammiro, Marco. Non per quello che mi fai, ma per la classe che hai nel prenderti quello che ti serve quando ti serve. Voglio imparare da te. Ad essere cinica, fredda, insensibile.
E giuro che sarò la tua allieva più zelante.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • silvia leuzzi il 03/08/2011 00:40
    Fresco sembra quasi saltellare davanti agli occhi e come le lettere le immagini che scorrono e con pochi tocchi ecco disposta tutta la storia, tutto l'egoismo degli uomini e la fragile illusione femminile. Ben scritto complimenti
  • Antonio Pani il 07/02/2011 09:11
    Scritto scorrevole, ricco di belle immagini, che raccontanto di situazioni "vere e coinvolgenti". Trovo sia uno scritto che "trasmette" in modo efficace. Molto apprezzato. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti. A rileggersi, ciao.
  • Anonimo il 06/02/2011 15:43
    Ritagliarsi una parte lo si decide, mentre certi ruoli sono un compromesso con le speranze.
    Avessi esperienza, o la praticità per certi calcoli. Avessi carta, e sopratutto la matita giusta... ma posso immaginare.
    No, le persone nascono, sbagliano, scelgono. A volte cambiano. Se possono normalmente usano, anche se la morale dice il contrario. Ma poi per un interesse maggiore abbandonano, perché è proprio la convenienza a fare da padrona. Serve ad imparare quest'arte? Nella politica insegnano che è così. Nell'amore, forse non si può. In tutti gli altri casi, basta volerlo e non ci saranno barriere di sorta.
    Leggendo la tua lettere, dici che hai voglia d'imparare. Ma forse, potresti insegnare tu qualcosa prima che sia troppo tardi
  • Anonimo il 19/11/2009 06:14
    La tristezza che nasce dall'occupare il secondo posto é raccontata con raffinata ironia. Complimenti. Bellissimo.
  • Anonimo il 22/09/2009 21:40
    inftt anke a me capitò 1 cosa del genere... cmq è fantastica.. piaciuta!
  • Dolce Sorriso il 15/09/2009 09:27
    piaciuto!
    Brava
  • Enola Gay il 08/09/2009 21:52
    ahah, grazie, ma è un racconto inventato... succede spesso che un'amante decida la sua posizione scomoda perché crede di soppiantare la donna ufficiale, ma spesso l'uomo non è disposto a rinunciare alla sicurezza di un rapporto stabile. Tuttavia non rinuncia a tutti i piaceri che vuole...
  • Roberta P. il 08/09/2009 09:18
    Scritto bene!
    Anche se posso comprendere il rancore della donna, le consiglierei di non assomigliare a ciò che più odiamo!
    Lui, magari non subito, prima o poi se la prenderà in quel posto, mentre lei tornerà ad essere felice.
  • Enola Gay il 07/09/2009 19:50
    grazie
  • Anonimo il 07/09/2009 15:01
    piaciuto letto volentieri... originalità ben scritta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0