PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Speranza

Nello sguardo di Vanessa c'era qualcosa di strano e Steven lo vide quando appoggiò la testa sulle spalle di sua figlia. Da quella posizione solo lui poteva vederla e gli sembrò che volesse parlargli con gli occhi. Forse era sua intenzione dirgli qualcosa in privato, ma non ne era sicuro.
Fatto sta che quell'occhiata gli provocò uno strano senso di inquietudine e poco dopo ebbe la conferma che la sua intuizione era giusta.
"Tesoro, " disse Vanessa. "Puoi lasciarmi un attimo da sola con Steven? Solo cinque minuti. "
"Come vuoi mamma, aspetto qui fuori. "
Mentre usciva si incrociò con suo padre e per la prima volta nelle loro vite si scambiarono uno sguardo d'intesa, dopo 16 anni in cui non si erano mai parlati.
A quel punto furono soli e Steven parlò.
"Lo sguardo di poco fa, ci avevo visto giusto. Volevi parlarmi da solo. "
"Allora non hai perso del tutto la capacità di capirmi al volo. E comunque sì, volevo parlarti di Gloria. "
"In merito a cosa? " chiese lui facendo quasi finta di non capire o forse non volendo accettare l'inevitabile.
"Steven, è inutile prenderci in giro, quest'intervento non riuscirà al 99% e lo sai bene anche tu..."
"Non dire così Vane..."
"E invece lo dico eccome, sto facendo un discorso serio, non facciamoci inutili illusioni. Per riprendere da dove ho lasciato, hai notato qualcosa in Gloria, un qualcosa di particolare nel suo carattere o altro? "
"Ci sono molte cose di lei che mi hanno colpito, ma una più di tutte e temo sia quella che non vorresti mai sentire vero? "
"Già, " confermò lei sconsolata.
"Tua figlia ti vuole un bene dell'anima, ti ama sopra ogni altra cosa e sei terrorizzata al pensiero di come possa prendere un eventuale esito negativo dell'operazione. "
"Esatto Steve; non voglio che succeda niente di simile e tu devi aiutarmi. Ti conosce pochissimo, quasi per nulla, ma io credo tu sia l'unico che può farlo. "
"Qualunque cosa tesoro!"
"Se non dovessi farcela devi starle vicino Steve. Rimanile accanto, non farla mai sentire sola. Probabilmente ti risponderà male e opporrà resistenza, è nel suo carattere ma tu devi essere più forte di lei. In fondo è ancora una bambina nonostante l'età. "
"Ci proverò con tutto me stesso Vane, ma non sarà affatto facile. In questi due giorni sono riuscito ad avvicinarmi a lei come non avrei mai creduto. Temo però che nell'eventualità che hai appena citato si azzererebbe tutto e dovrei ricominciare da capo. "
"E tu fallo Steve, fallo per me ti prego. È l'unica cosa che ti chiedo, semplicemente di farle da padre. "

123

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Sari Koon il 06/01/2010 20:42
    Ho notato che non c'erano voti per questa tua opera... l'unica tra le tue opere senza un voto! Invece merita di ricevere voti, nel mio caso il massimo;è così ricca di sentimenti positivi che è difficile trattenere le lacrime già dalla prima lettura.. complimenti.. ciao!
  • sara zucchetti il 24/10/2009 11:59
    Molto bello questo racconto, la speranza di gioia la trovi nel amore! Non ho capito certe cose (un po' misterioso) come che problema ha lei e perché era separata da lui, ma lo trovo molto dolce quando si sono ritrovati e lui la incoraggia facendola sfogare tra le braccia e baciandola!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0