accedi   |   crea nuovo account

Cronaca di un infanticidio

Dei resti umani sono stati ritrovati all'interno di un forno di campagna. Dalle prime analisi visive effettuate del medico chiamato sul posto dalle autorità, è emerso che i resti siano quelli di un bimbo di pochissimi mesi.
Il macabro ritrovamento è avvenuto casualmente, quando un contadino ha aperto il forno per riporvi alcune prede di caccia come da sua abitudine. All'apertura del forno è stato investito da un tiepido calore e da un odore di bruciato, di carne bruciata, insospettito, poiché in disuso da tempo, con la lanterna ha fatto luce e si è ritrovato davanti qualcosa di informe che piano piano si è definita essere un mucchietto di ossa. Era evidente la testolina e ossa varie. Per rispetto della sensibilità del lettore omettiamo altri particolari.
Le indagini hanno riguardato tutte le famiglie della zona, alcuni testimoni hanno riferito di aver visto nei giorni precedenti al ritrovamento, una figura femminile nelle vicinanze del forno, e si sono soffermate poi sulle donne che hanno partorito da meno di un anno. Tutte hanno mostrato il proprio figliolo tranne una. La donna, di nome Klara, era sola in casa con gli altri figli. Il marito assente per lavoro poiché ispettore doganale. Interrogata, la donna ha fatto il segno della croce e poi ha iniziato a pregare. Chiamato il parroco della zona, ha riferito che la donna è una cattolica praticante e, sollecitata dallo stesso ha solo detto che lo ha fatto morire di fame perché quando allattava le tirava l'anima e poi ha iniziato a ripetere a cantilena: "aveva gli occhi del demonio, era il demonio, ho salvato l'umanità". Queste sono state le sue uniche e ultime parole. Si indaga ora sulla morte di altri suoi figli.
Questo fatto di cronaca risale al 1890 ed è avvenuto in un villaggio dell'Austria per l'esattezza a Braunau. Anche allora come oggi c'erano donne che uccidevano i propri figli. Questi sono drammi atroci e bisogna impedire che si ripetano. Bisogna intervenire per prevenire ed aiutare le madri che hanno difficoltà. Non lasciarle sole ad affrontare situazioni che possono sembrare loro insommortabili, potenziare i servizi sociali e sensibilizzare l'opinione pubblica. Uccidere i propri figli è uccidere il proprio futuro, e senza futuro muore l'umanità. Le cronache italiane riportano che si compiono numerosi infanticidi l'anno. Non è stimabile il numero dei bambini uccisi appena nati. Nel 2008 in Italia, secondo il "Crime Clock", vi sono stati 180 omicidi in famiglia, numero di gran lunga superiore agli omicidi causati dalla malavita organizzata.
Più avanti, al termine del fatto dell'epoca è riportato il nome del bambino vittima dell'infanticidio. E per completezza lo riporto anch'io: Adolf Hitler.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Paolo La Montagna il 31/05/2010 09:03
    verrebbe da dire: magari? però il vernacolo partenopeo avverte: la madre dei fessi è sempre incinta. Hitler, il nazismo, i fascismi, sono figli della I guerra mondiale, della crisi del '29, dell'antisemitismo delle chiese cristiane. il demonio è arrivato a cose fatte, a dare qualche coltellata e mitragliata qui e là. la storia è sempre quella dei vincitori: come definire il bombardamento chimico -incendiario americano su Dresda "città ospedale" che fece 250. 000 morti innocenti?
  • Anonimo il 25/09/2009 10:37
    Sicuramente racconto scomodo.
    Il finale "sliding doors" mi ha riportato alla mente un libro: "Fatherland".

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0