accedi   |   crea nuovo account

Il bene ritrovato

Anche quella mattina era in notevole ritardo. Seduto alla guida, osservava il cielo scuro che non prometteva niente di buono. La primavera tardava ad arrivare. Non pioveva e questo era già tanto per lui che odiava la pioggia e i disagi che crea in città.
Aveva accompagnato Sara a scuola e ora era bloccato nel traffico sulla Tangenziale. Le macchine avanzavano a passo d’uomo, formando quasi un enorme e mostruoso serpente di lamiera, velenoso, che lentamente digeriva quei corpi immolati sull’altare sacrificale di quella schizofrenica città.
Lui, però, non s’innervosiva più come una volta; anzi era alquanto sereno e bendisposto verso quella povera e ansimante umanità che lo circondava e lo pressava quasi a spingerlo oltre la meta da raggiungere.
Sara stava crescendo bene, ed era molto maturata ultimamente; tra qualche mese avrebbe finito le medie e dopo le vacanze avrebbe iniziato a frequentare il ginnasio e a rendersi più autonoma.
Anche con Sandra, negli ultimi tempi le cose andavano meglio; c’erano stati meno incomprensioni e nervosismi. In effetti, l’intervento li aveva molto ravvicinati e soprattutto aveva permesso loro di riconsiderare molti aspetti della loro vita e sapere apprezzare le piccole gioie che la malattia lentamente ma inesorabilmente aveva appiattito sino a cancellare.
Solo ora si rendeva conto del tempo recuperato non dovendo andare più tre volte a settimana, di tutte le settimane dell’anno, con il sole o con la pioggia, che avesse impegni di lavoro o fosse in ferie, triste o contento, che avesse voglia o no.
Era stato baciato dalla fortuna quella fredda sera autunnale; a tarda ora aveva ricevuto una telefonata con cui lo convocavano in ospedale per l’intervento; dopo tanti anni, tante visite e controlli, tante attese disilluse, tanti tentativi andati a vuoto. Promesse, speranze che ora, improvvisamente, erano già qualcosa di lontano e dimenticato.
Certo gli era rimasto il cruccio di non aver potuto ringraziare coloro che con un semplice sì gli avevano trasformato la vita da quell’inferno che era diventata a un qualcosa di molto simile a quello che era prima che si ammalasse.
Aveva pensato spesso ai suoi benefattori. Dapprima anche in maniera poco equilibrata, travolto com’era dagli eventi. Aveva cercato in tutti i modi di conoscere le persone cui doveva la salute ritrovata, il suo futuro e della sua famiglia. Pian piano, a macchia d’olio, aveva iniziato a indirizzare la sua gratitudine verso tutti le persone con cui veniva in contatto. Talvolta anche con atteggiamenti imbarazzanti per chi non conosceva il suo stato d’animo e la sua storia. Nel suo cuore, incrudito dalla malattia, erano improvvisamente e di nuovo nati i sentimenti che aveva da bambino; gli tornava in particolare alla mente quel giorno, a sette o otto anni che era stato sorpreso per strada da un forte temporale mentre giocava con il suo amico e sua madre che li fece asciugare e gli dette per merenda una grossa fetta di pane con la cioccolata.
Sì, per lui è come se gli avessero dato di nuovo una maglia asciutta e una fetta di pane e cioccolata.
Finalmente la matassa del traffico cominciava a dipanarsi e, lentamente, assorto tra i suoi pensieri percorse gli ultimi metri della rampa che lo portava fuori dalla Tangenziale verso la dimensione più umana di S. Lorenzo.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0