accedi   |   crea nuovo account

Luoghi dove finisce la terra

Per necessità, inevitabili, prevedibili come i sogni, esistono, lo giuro, luoghi dove le cose solide finiscono.
Posti dove tre mondi si incontrano e si misurano inquieti.
L’aria, terra e l’agitato mare.
Cammini per giorni e notti guardando il coperchio di stelle, imprecando contro le coperte piovose delle nubi, i piedi dolgono esausti di roccie sconnesse, Luna e Sole giocano e si fanno dispetti:

“discoli... mal educati ai bisogni dell’uomo! ”

Finalmente i tuoi passi giungono all’ultimo limite saldo possibile e i tuoi capelli agitati dal vento si specchiano, a tratti, nelle creste dell’onda.
Ti senti forte come una statua di bronzo dorato e sei il fulcro scandaloso del mondo.
Ora d’avvedi dell’arpia piumata di smeraldo che vola agile come il vento, ti accorgi della sirena d’argento che ride di te tra le onde, le spire spendenti dell’Idra sono a i tuoi piedi si chè nuove dinamiche si assommano tra i bagliori e le ansie dei mondi.
La risacca rigetta parole e ricodi come conchiglie e sportine indigeste.

“Ritorna, ritorna al tuo principio”

Gridano così gli stormi di gabbiani candidi e sanguinari.
Ma ti manca il coraggio e, convinto, parli di partenze quando altro non hai che un’arrivo, li dove finisce la terra.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Cesira Sinibaldi il 04/01/2010 19:51
    Intensa. Mi piace molto.
  • Vincenzo Capitanucci il 02/12/2009 00:31
    Bellissimo Carlo... parli di partenze... quando hai soltanto un arrivo...

    Ritorna... ritorna al tuo Principio... luoghi dove le cose finiscono... fra Arpie... Sirene e Idre... ad un raggio di Sole... dalla tua Luna occultato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0