PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La stellina all'alba

C’era una volta una bellissima principessa, che viveva in un grande castello e aveva circa venti anni. Non era mai uscita dal giardino del castello, perché quando era più giovane, avevano rapito il suo fratellino. Nonostante le varie ricerche non erano riusciti a ritrovarlo e i suoi genitori le avevano vietato di uscire sola, così non conosceva il mondo e la realtà che la circondava. Abituata fin da piccola a non uscire gli piaceva stare in giardino, ma non si allontanava da sola, restava nella sua ingenuità. Era una ragazza dolce, intelligente, sensibile e timida di nome Alba. Un giorno uscì in giardino a fare una passeggiata e conobbe il nuovo giardiniere. Un ragazzo giovane, della sua età, carino e simpatico che si chiamava Celestino. Ogni giorno gli mostrava un fiore nuovo e tante altre cose belle del giardino. Gli diceva: “Questa violetta è dolce come te, questa margherita è semplice come te”. A lei faceva piacere stare con lui era contenta, ma non usciva mai dal castello.
Un giorno le disse. “Questa rosa è grande e bella come l’amore che provo per te” e lei sorridendo senza dire una parola mostrò il suo amore con un bacio. Un dolce bacio sulla bocca che fu l’inizio di una splendida storia d’amore. Non lo sapeva nessuno, ma si vedevano sempre di più.
Un giorno lui le afferrò la mano e la avvicinò al cancello del giardino. Lei aveva un po’ paura, ma con lui vicino sentiva il coraggio e la sicurezza risvegliarsi. Uscirono dal cancello e l’emozione era così forte che sentiva il cuore esplodere, ma con un uomo così premuroso che l’amava, era contenta.
Il loro obiettivo era essere insieme e felici, ma lui era un giardiniere e lei una principessa così decisero di scappare. A lei non importava chi fosse lui perché lo considerava il suo principe che da qualche tempo aspettava per amare ed essere amata.
S’incamminarono per il paese e Alba era sempre più meravigliata di vedere cose nuove. Cominciarono a vedere anche un po’ di gente, ma non riuscirono a riconoscerla perché aveva messo un vestito della cameriera. Non lontano s’intravedevano delle bancarelle era il mercato del paese e la principessa curiosa convinse Celestino a fare un giro. All’inizio videro del cibo come frutta, carne, salumi e altro, poi c’erano bancarelle di scarpe e vestiti. Infine trovarono una bancarella con esposti oggetti misti, Alba notò dei fermagli per capelli, gioielli e altro, ma quello che la colpì di più era un ciondolo a forma di stella attaccato a una collana. Celestino decise di regalarglielo come pegno del suo amore e lei ne fu felice.
Decisero di allontanarsi dalla confusione e mano nella mano attraversarono il bosco raggiungendo la spiaggia. Il mare era calmo e le onde accarezzavano delicatamente i loro piedi, si guardarono intensamente negli occhi e si baciarono. Dovevano trovare un riparo per la notte che scendeva, così cercarono, finché non trovarono una grotta. Si avvicinarono e decisero di rimanere, anche se solo per una notte, perché non avevano trovato nient’altro. Alba non era molto convinta le metteva un po’ di timore, era molto buio, ma cercò di farsi coraggio per non deludere Celestino e accanto a lui si addormentò.

123

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • sara zucchetti il 29/04/2010 13:57
    Grazie Carmelo sono contenta che ti sia piaciuta
  • Carmelo Trianni il 28/04/2010 23:06
    È la classica favola, sempre di moda, da raccontare ai bambini ma anche per tutti quelli che hanno bisogno di dieci minuti per rilassarsi e farsi coccolare dalla fantasia rinchiusa in questa dolce fiaba, con la principessa, la strega, il ciondolo magico e... vissero felici e contenti!
    Bello anche il titolo, bello tutto il racconto, complimenti Sara, ciao!
  • Anonimo il 27/12/2009 18:03
    Bellissima Sara... favola molto istruttiva. L'amore deve vincere sempre, almeno nei pensieri e nei sogni.
  • sara zucchetti il 01/10/2009 17:04
    grazie, M. Vittoria hai capito quello che volevo esprimere
  • M. Vittoria De Nuccio il 01/10/2009 14:25
    ... “Questa rosa è grande e bella come l’amore che provo per te"... stupenda favola. Bravissima dolce Sara. L'amore vince sempre, almeno nelle favole.
  • sara zucchetti il 30/09/2009 22:22
    Grazie tante
  • Giuseppe Tiloca il 30/09/2009 19:01
    È bellissima! Adoro le favole. Questa ragazza, che non è mai uscita dal castello... e poi incontra Celestino, che la porta dove non crederà mai... infatti troverà suo fratello! È bellissima! Brava!