accedi   |   crea nuovo account

Racconto... di una bambina

Vi racconto di una bambina che, per quanto amata e desiderata, é stata abbandonata, nella solitudine e nel dolore che nascondeva un forte bisogno d'amore.
Una bambina grassa e brutta, cosi dicevano! Che col tempo in se, si é rinchiusa, perché non parte del mondo si sentiva.
Amici non aveva, cugini e parenti assenti, fratelli lontani e indifferenti alla sua esistenza.
Una famiglia per quanto rispettata e amata qualcosa ha dimenticato
Una figlia.
Che attenzioni e bisogno di loro aveva, per superare le paure che, quel mondo, mettendola da parte aveva creato in lei.
Niente hanno mai capito di questa figlia che, col tempo, ha imparato a fingere di essere felice.
Invece, il dolore e le paure, hanno messo da parte il suo vero essere per farsi accettare e amare.
Passano gli anni, la bambina cresce, imparando a difendersi e superare il mondo falso e crudele, da sola.
Tante decisioni ha preso, sola, forse sbagliate che l'hanno fatta crescere sempre piú impaurita.
Togliendo la fiducia che in se stessa doveva avere.
La bambina ormai cresciuta, solo i ricordi ha nella mente, impressi come un tatuaggio indelebile.
Adesso non puó che affrontare le sue paure, riprendere la fiducia in se stessa e con essa la sua vita.
Facile non sará ma provarci servirá .
Con l'amore di lei vincerá.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • stefania saglioni il 24/10/2009 23:38
    Volli! Sempre Volli! Fortissimamente Volli! Questa frase di Vittorio Alfieri e motto di Francesco Baracca (grande asso dell'aviazione italiana nella prima guerra mondiale), ti sia di incoraggiamento per affrontare la vita. Baci.
  • francesca cuccia il 24/10/2009 20:11
    Grazie Ignis. Combattere e non arrendersi.
  • Aedo il 24/10/2009 19:54
    In questo racconto si riflette, forse, la tua vita. Non ricevere l'affetto da bambini, significa ampliare i propri problemi e paure; e allora ci si sente schiacciati dal peso della solitudine. Poi arriva la reazione, la ripresa, consci che la speranza è a un passo...
    Brava, Francesca!
    Ciao
    Ignazio
  • francesca cuccia il 24/10/2009 18:46
    Non si molla mai, grazieTaná.
  • Attanasio D'Agostino il 24/10/2009 18:24
    L'amore vince qualsiasi paura dentro il cuore...
    certo che "Facile non sará ma provarci servirá" .

    Un caro saluto Tanà.