accedi   |   crea nuovo account

Compito in classe

Sfioro la penna accanto a me, il foglio è ancora intonso e il banco sgombro da qualsiasi altra cosa. Abbasso lo sguardo, le mie scarpe consunte, che mi fanno gelare le punte dei piedi. Il bordo dei pantaloni un po' consumato e sbiadito... Oh ma a chi interessa se non sono perfetta.
Sento lo sguardo del professore puntato dritto su di me, io raddrizzo la postura chiarendo che non sto cercando di copiare proprio nulla. Ad un tratto mi passa per la testa di sedermi sul bordo della finestra, fumare una sigaretta e guardare tutti i miei compagni spremersi il cervello per uno stupido compito di storia. Ma un piccolo, discreto rumore mi riportà alla realtà. Che noia queste mattinate a scuola.
Preferirei un viaggio. Ma dove? Patagonia... Eccomi, parto. No, è solo l'effetto ritardatario di una canna troppo leggera. Mi riprendo e scrivo. Cazzate, magari un po' sensate. Chissà che voto becco per la storia della finestra e della Patagonia...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Anonimo il 27/12/2011 08:46
    Non ci credo... ahahah... son vecchio del mestiere. Una che scrive così e che ama Diamanda Galàs, aspettava goduriosamente, come il sottoscritto del resto, di fare un compito in classe di italiano, qualunque fosse il titolo. Balle per dire qualcosa, anche di storia, ne sapevo e ne sapevi tu, certamente, inventare. ciaociao
  • donatina ceccarelli il 06/10/2011 22:44
    mi è sembrato di vivere certi momenti.
    emozionante. quando avevo un compito in classe, pensavo sempre
    ad una casa sul lago. ora ce l'ho. ottimo racconto ciao
  • Jah Gan & buffy_zeus il 26/09/2011 15:51
    accidenti sono io! È la descrizione di un mio compito in classe tipico, devo pensare che sei una spia? Comunque ottimo contenuto e ottimo stile. Mi piace.
  • Musa Alienata Inquietante il 04/08/2011 01:00
    Che gentile, grazie (:
  • soloio- samojaz il 07/06/2011 09:43
    scrive bene, mi piaci!!
  • Musa Alienata Inquietante il 16/05/2011 13:05
    Ti ringrazio, in effetti difficilmente riusciamo a raggiungere tutti i nostri obiettivi. Ma il nulla è impossibile e saremo sempre arrivati da qualche parte.
  • cristiana melis il 08/03/2011 10:21
    che meraviglia... si i miei pensieri dei tempi della scuola assomigliavano molto ai tuoi... io sognavo di viaggiare in tutto il mondo e di vivere a Berlino e di essere, nel mio futuro, diventato oggi il mio presente, un po' più lontana di quel che sono.
  • Anonimo il 16/02/2011 23:45
    Brava, piaciuto

    Suz
  • Sara Turco il 03/01/2011 11:00
    bravissimaaaa!! Complimentiii =)
  • Emiliano Shegani il 03/12/2010 23:21
    Brava, racconto breve ma ricco di contenuto. Hai fatto una descrizione di come la maggior parte dei ragazzi italiani ( di quelli che si fanno le canne) vive un compito in classe.
  • Emiliano Shegani il 03/12/2010 23:18
    hahahaha bello in bocca al lupo per i tuoi viaggi
  • Anonimo il 12/09/2010 14:49
    complimenti!
  • Claudio Tuccillo il 30/06/2010 11:31
    Ottimo. Riesci sempre a sbalordirmi, you make it real
  • Francesco Vitolo il 19/01/2010 10:18
    l'evasione è un'arte
    la fantasia un dono
    non c'è luogo
    che la possa imbrigliare
    la visione a me più cara
    e lo sguardo felice del poeta
    dinnanzi ad una finestra
    che i più vedono chiusa...
  • Musa Alienata Inquietante il 04/11/2009 11:29
    Asd ma grazie fratellone (: fatti vivo più spesso però su msn u. u tivobe
  • Anonimo il 02/11/2009 21:17
    Lei ha talento, non lo si può negare. I miei complimenti, nonchè le mie insegne

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0