PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io e te

Chiudi gli occhi lentamente, ascoltando il dolce canto del mare, delle sue onde che si infrangono sugli scogli della spiaggia che ti ha cresciuta. Apri di nuovo, lentamente, gli occhi. Sorridi dolcemente, scruti il cielo, le sue mille stelle, le sue mille costellazioni. Ti volti verso di lui, accanto a te, mentre la sua mano tiene la tua, mentre i suoi occhi si chiudono leggermente. È reduce da una giornata di lavoro, non hai il coraggio di disturbarlo. Ti metti seduta e poi ti sdrai nuovamente poggiando la tua testa sul suo petto. Senti i battiti del suo cuore lenti, costanti. Il suo petto si alza e si abbassa, e tu hai brividi sul collo ad ogni suo respiro caldo.
Stare con lui ti rilassa sempre, ti fa sentire protetta, non ti fa sentire sola, lo sai bene e non vuoi perderlo.
Lentamente, cercando di non disturbarlo, sposti la testa accanto alla sua, alla sua sinistra. Guardi il suo profilo. È dolce.
Poi, con un dito, tocchi leggermente la sua fronte, tracciando i suoi lineamenti. Arrivi fino al naso e lì ti fermi un attimo: lui adora toccarti la punta del naso, prenderti in giro e farti arrabbiare, gli stai accanto per questo, sa ridere e sa fare il serio, è intelligente, ed è una persona umanamente stupenda. Ti sa ascoltare, capisce quando deve parlare, e quando deve tacere. Il profondo affetto che provi nei suoi confronti ti fa tralasciare i suoi difetti, tutti quelli che le tue amiche continuano a mettere in evidenza.
Riprendi il cammino, arrivando fino alla bocca. Ti fermi di nuovo con le dita sulle sue labbra. Carnose. Quelle che dipingono sul suo viso il sorriso di quando ti vede arrivare, e la tristezza di quando te ne vai. Quelle labbra che qualche tempo fa, poco tempo fa, hanno trovato per la prima volta le tue, e ti hanno dato la sensazione più bella, più magica e profonda che avessi mai provato prima.
Ora è lì accanto a te, e la tua mano si è ormai posata sul suo petto, mentre l'altra, la destra, è dietro la tua schiena tenendo la sua che ti stringe a sé, come se non ti volesse mai lasciare, some per affermare l'idea che tu sei sua, o forse solo per dirti che ti vuole accanto a sé, anche mentre riposa, anche e soprattutto, quando, riposato quel che basta, si volterà verso di te, per starti accanto ancora un po' prima di dover andare via.
Il sole è scomparso all'orizzonte da un po', e l'unica luce che c'è, è quella della luna.
Chiudi gli occhi lentamente, leggermente.
L'hai capito... Lo ami!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Mara il 02/03/2012 19:24
    Bello il tuo racconto. Ti assicuro che le emozioni che hai provato e che hai descritto così bene, non si provavano solo alla tua età!!!
    Che sia amore o no te lo dirà il tempo. E comunque il quel momento lo era di sicuro.
  • Daryl il 27/02/2012 18:02
    Un racconto bello semplice che fa riflettere!
    Francesco, anzichè provocare gli altri, che ne dici di prendertela con chi ce l'hai davvero? Non so te stesso? La ragazza che ti ha spezzato il cuore?
  • Donato Delfin8 il 14/12/2009 14:57
    Wow ragazzi grazie per la ricarica
  • Francesco Scardone il 11/11/2009 00:09
    uh ecco qui il fratellino credo... eheheh... tu sei lo pseudo-ribelle eh?? Simpatici hihihi...
  • Marco Ambrosini il 10/11/2009 21:58
    a è un altra cosa nessuno può dire come sia veramente l'amore poichè ognuno da a ciascuna cosa la propria interpretazione
  • Marco Ambrosini il 10/11/2009 21:54
    Senti ognuno vive la vita come c**** vuole e tu non sei nessuno per venire a criticare gli altri per il loro stile di vita, quindi vivi e lascia vivere!!!!! Non rompere sempre alle persone
  • licia ambrosini il 10/11/2009 12:08
    e che ci vuoi fare??? menomale che esisti tu che puoi spiegare a noi, poveri mortali, lo spessore ideale dei tuoi pensieri... comunque calmati con le parole... perchè se io faccio una vita da celebrolesa, beh, prima di tutto non sei tu che devi giudicarlo, perchè non mi conosci, e non hai il diritto, e abastanza nozioni per poterlo dire, e secondo, pensa a te stesso, perchè se il tuo unico piacere è venire su questo o su altri siti e sparare a zero su persone che non conosci o sui loro testi, mera esibizione della vita, beh, tra i due, non so chi sia più celebroleso!!! ciao! e finiamola qua... vorrei che venissero letti i miei racconti non i tuoi commenti!
  • Francesco Scardone il 10/11/2009 12:03
    non mi aspettavo mica che capissi quello che ho detto... in verità ero sicuro che rispondevi in questo modo... vabbè dai fa niente ciao cara eheheh^^
  • licia ambrosini il 10/11/2009 11:00
    se al contrario tuo penso che l'amore sia qualcosa che vada al di là del mero atto sessuale, credo che non sia un difetto, bensì un pregio. il sesso lo fanno gli animali, l'amore è proprio dell'essere umano.
  • licia ambrosini il 08/11/2009 23:33
    ma quanti anni hai francesco??? 50???? tu hai vent'anni??? ma goditi un po' la vita, e smettila di giudicare sempre tutto e tutti... l'amore è questo per i ragazzini... e quindi? sono una ragazzina... ho 17 anni... non 50!!!
  • Francesco Scardone il 08/11/2009 18:47
    Beh questo è l'amore come viene descritto nei libri per ragazzini... non l'AMORE...
  • Giuseppe Tiloca il 08/11/2009 10:56
    Il tuo racconto tratta e fa capire come l'amore sia straordinario. È un racconto bellissimo, licia, mi hai fatto riflettere su quest' amore.. che purtroppo, io, ancora, non ho provato!
    Bravissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0