accedi   |   crea nuovo account

La Perla Nera (parte I)

Il suo cuore riprese a battere ad un ritmo insostenibile, non riusciva a credere ai suoi occhi lo scempio che aveva davanti le procurò il voltastomaco, la testa le girava. Il sole prima coperto da una nuvola uscì e infilzò con le sue mani la pelle di Sara, iniziò a bruciare e il dolore si fece più intenso con il passare dei secondi. Eppure non riusciva a muoversi, non riusciva ad andare via da quel luogo dove la sua vita era finita in un attimo per poi ricominciare dopo una manciata di secondi. Aveva paura. Eppure la sua stessa paura le dava il coraggio necessario per riuscire ad andare avanti. Non c'era stata una sola volta in tutta la sua vita in cui aveva potuto rimanere da sola con il suo cuore e continuare a sognare una vita che non era la sua. Non ce la faceva più. Gli artigli del dolore le presero l'anima e iniziarono a comprimerla fra i loro arti, più si faceva piccola meno il rumore le graffiava i timpani. Il silenzio le soffiava caldo dentro la testa. La pioggia iniziò a cadere forando le ultime sicurezze che sostenevano il corpo di Sara, non c'era più nulla che l'avrebbe portata avanti adesso. Più nulla se non il desiderio di vendicarsi e costruire la sua vita distruggendo l'esistenza di chi la circondava. Non riusciva a vedere oltre quello che era accaduto, le pupille erano inchiodate al disastro che avevano davanti. A fanculo il mondo. Quei mangiatori di merda gliela avrebbero fatta pagare.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ethel Vicard il 20/07/2011 18:45
    Ciao Andrea =) be' hai ragione, ho io ad inserire questo scritto nella categoria "racconti brevi". Questa infatti è solo la prima parte di un racconto più lungo, ho già pubblicato delle altre parti se ti va di continuare, nella seconda dovrebbe inziare a capirsi un po' di più =))) Grazie per l'attenzione che mi hai dato, a presto =)))
  • Anonimo il 16/07/2011 20:04
    Mi piacciono molto i racconti brevi ma ho capito ben poco... e me ne scuso.
  • Ethel Vicard il 12/11/2009 16:34
    =) cuccioloo!
  • Daryl il 12/11/2009 15:11
    sai che non sono molto bravo con le parole! ma sei bravissima ethel! continua con questa tu passione!