accedi   |   crea nuovo account

Il fiore dell'amore (seconda parte)

Era un momento stupendo, Gaia era molto commossa, e non faceva altro che osservare il fiore e lui. Gilberto sembrava indifferente ma era solo un modo per nascondere le emozioni, dentro di se sentiva il cuore battere forte e cominciò a sbattere le ciglia per il completo imbarazzo di lei che lo osservava. Si avvicinarono alla panchina e si accomodarono, lui le disse se poteva darle un bacino sulla guancia e lei gli fece cenno di si con la testa, così ci fu il primo contatto tra loro. Un attimo dopo lui disse sorridendo: "Ora tocca a te". Lei era un po' intimidita e indecisa, ma quando si avvicinò invece che sfiorare la sua guancia scivolò direttamente sulle sue labbra. Si scambiarono uno splendido bacio profondo che durò un istante, ma in Gaia c'era la speranza che continuasse per tutta la vita come l'acqua della cascata continuerà a cadere in eterno.
Si alzò uno splendido arcobaleno che rendeva ancora più magica l'atmosfera e Gilberto propose a Gaia di andare a fare un giro insieme in moto. Gaia rimase sorpresa, non se lo aspettava, perché non era mai salita su una moto con un ragazzo, ma lo aveva sognato. La trovava una bella idea e non voleva rinunciarci così anche se intimorita decise di accettare.
Gilberto le diede il suo casco per proteggerla da ogni pericolo e salirono sulla moto. Lui davanti e lei dietro che si attaccò fortemente alla sua schiena. Accese il motore e Gaia sentì una forte vibrazione dentro di sé dovuta all'emozione. Gilberto partì così cominciò il loro giro, salirono e scesero affrontando mille tornanti. Gaia sorrideva e contemporaneamente chiudeva gli occhi per il timore, ma essendo attaccata a lui si fece coraggio e affrontò la situazione. Si convinse ad aprire gli occhi per godersi il panorama, Gilberto non andava tanto veloce e lei si sentiva una principessa a cavallo con il suo principe ed era felice.
Finita quella splendida corsa in moto Gilberto l'accompagnò a casa. Si salutarono armoniosamente e lei rientrata a casa sistemò in acqua quello splendido fiore che per lei era molto importante. Lo lasciò in acqua parecchi giorni, ma non appassì perché quel fiore era veramente speciale e significava il suo eterno amore. Così decise di conservarlo con cura e nascondendolo tra le sue poche cose.
Dopo qualche giorno aveva ancora un appuntamento con Gilberto alla cascata. Si mise un semplice vestito, di colore azzurro, con disegni di fantasia e con gonna lunga fino al ginocchio. Si sciolse i capelli pettinandoli un po' e uscì di casa. Raggiunse la cascata e trovò lui che l'aspettava felice, appena la vide le lanciò subito un dolce sorriso e lei contraccambiò. Lui cominciò subito a corteggiarla dicendole che era bellissima. Le afferrò la mano e la avvicinò a sé dolcemente.
Le sussurrò con sicurezza: "Ti amo"
E lei guardandolo nei suoi occhi dispersa nelle emozioni gli disse: " io credo in te, ti amo".
Lui le accarezzò delicatamente i capelli, facendole sentire il calore del sole di montagna e dal suo viso nacque uno splendido sorriso spontaneo di piacere, lo stesso piacere che creava l'atmosfera tranquilla. Dai loro cuori sgorgava un profondo sentimento naturale come scendeva l'acqua della cascata. Lui la accolse tra le sue braccia immense e si scambiarono un abbraccio di protezione, come lo scudo che creavano le montagne intorno a loro. Unirono teneramente la testa avvicinando la fronte e si guardarono negli occhi sorridendo senza riuscire a mettere a fuoco, ma sentendo che persona stupenda avevano davanti.

1234

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Stefano Galbiati il 15/11/2009 13:34
    ho letto prima e seconda parte insieme... un racconto veramente magnifico, scorrevole e dolcissimo.
    complimenti sara... con i tuoi racconti ci si può per un attimo staccare dalla realtà e sognare.
    CIAO!
  • sara zucchetti il 13/11/2009 10:17
    grazie! siete davvero gentili
  • Antonietta Mennitti il 13/11/2009 09:17
    Non amo i racconti... ma il tuo e' stupendo... bravissima!
  • Kartika Blue il 12/11/2009 23:37
    Avevo letto la prima parte e aspettavo il seguito, complimenti una bellissima favola che fa sognare!! molto brava!!