username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Perchè ti faccio arrabbiare

Aggredisci ora violento, con la foga composta che ti contraddistingue. Ho atteso il tuo rientro oggi, disperata e immobile. Ho lasciato la finestra aperta per accogliere la furia del vento, il frastuono veloce degli uomini che si sono trascinati lungo il giorno con le loro automobili sulla strada dritta che passa davanti alla nostra casa.
Ho aperto la finestra perché dentro la nostra stanza c'era troppo silenzio. Come se fossimo stati tagliati fuori dal mondo senza averlo deciso.
Per questo ho voluto aprire le imposte e i vetri, affinché il rumore la fuori potesse mettere a tacere il silenzio qui dentro.
Nel tardo pomeriggio il rumore dei motori, dell'asfalto inghiottito e del vento è andato placandosi. Una timida ombra si è distesa davanti ai vetri ed il timore d'essere rimasta nuovamente atterrita dal tacere assordante della nostra camera è stato rotto da un tuono improvviso. Ho sorriso e respirato. Gocce di pioggia scure hanno portato giù il cielo, fin dentro la nostra stanza. D'un tratto il vento ha ripreso il giro, e con ira si è abbattuto sull'acquazzone inatteso. Ho dovuto chiudere i vetri. E me ne sono stata lì sorridente immobile a contemplare ogni violento impatto di quell'aria che costringeva il cielo al vetro della nostra stanza.
Dopo poco ti ho sentito rientrare.
- Ciao - mi hai detto.
- Ciao - ti ho risposto.
Ma la pioggia al nostro vetro faceva ancora più rumore di noi.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 25/05/2013 19:40
    Io non trovo tristezza nel tuo breve racconto, quanto piuttosto il desiderio di cambiamento, la voglia di stravolgere le abitudini, e il vento è complice in questo tuo agire e pensare.
    Due "ciao" non sono sufficienti a un'anima così esigente.
    Ne aggiungo uno mio. Ciao vento di passione.
  • Ivan Bui il 14/01/2010 19:14
    Una scrittura piacevole, senza pause e senza strappi. Luci e ombre in un equilibrio perfetto.
  • Cinzia Besaldo il 08/01/2010 15:52
    grazie
  • massimo di veroli il 22/12/2009 11:49
    bellissima e triste!!
  • Len Hart il 27/11/2009 16:18
    great!!!
  • Antonio Pani il 24/11/2009 11:35
    Molto bello, complimenti. Uno scritto "ricco" che trasmette in modo coinvolgente. Apprezzatissima l'immagine del cielo, che si anima e sembra voglia/debba dialogare con gli attori. Un cielo che sembra anche essere la "strada" per uscire. Io l'ho sentito così, brava. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti. A rileggersi, ciao.
  • Donato Delfin8 il 20/11/2009 16:03
    Scorrevole. Belle immagini. Ottima chiusa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0