PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Angelo

Angelo. Mio oscuro angelo.
Mi tieni stretta al tuo petto di marmo,
mentre il tuo profumo mi avvolge,
lentamente, incapace di oppormi
alla tua voglia sfrenata del mio sangue caldo,
che velocemente fluisce per tutto il mio corpo,
di riempire le tue labbra dalla forma perfetta di quel sapore dolce ed inebriante,
che ti porta all'estesi, mentre il mio cuore rallenta i suoi battiti,
fino a cessare i suoi battiti.
L'oscurità dei tuoi occhi annebbia i miei pensieri,
rendendomi una preda facile che, incapace di pensare,
incapace di lottare, si lascia stringere dal tuo tocco,
freddo come la morte, in attesa della fine che il tuo bacio immortale
porta con se.
Sento il soffio della mia vita abbandonarmi man mano che
avvicini il tuo freddo respiro alla pelle scoperta del mio collo.
Ma non voglio lottare.
Voglio solo ammirare la perfezione del tuo essere.
Amare la tua pelle fredda e bianca come neve.
Amare il tuo tocco freddo come il ghiaccio.
Amare il nero dei tuoi occhi che mi hanno incantato e resa desiderosa
del tuo bacio immortale.
Questo desiderio è una droga, mio oscuro angelo.
Mi hai reso la tua schiava con un solo sguardo,
pronta a donarti l'essenza che ti renderà
nuovamente forte.
Essere una cosa sola con la tua anima, oscura ed immortale,
ed amerai il modo in cui sto abbandonando la mia vita,
mio oscuro angelo.
Sento il tocco delle tue labbra su una vena pulsante del nettare
che brami, un nettare proibito che mi abbandona per far parte del tuo essere perfetto.
Sei bello mio angelo, per sempre perso nel tuo peccato, nella tua vita di sangue e morte
che mai ti lasceranno.
Adoro il desiderio che arde nei tuoi occhi.
Amo il tuo profumo che mi procura brividi in tutto il corpo.
Amo la voglia insaziabile che hai del mio sangue.
Copri il mio corpo col tuo mantello nero come la notte
stringendomi più forte a te, bloccando ogni mia possibilità di fuga.
Scopri i tuoi denti bianchi, perfettamente bianchi, tanto da brillare
nell'oscurità che ci circonda, li affondi nel mio collo lacerandomi la carne.
Emetto il grido di dolore, ma sorrido, mentre bevi dal mio collo.
Sorrido perché il desiderio del tuo bacio immortale è stato soddisfatto.
Le mie braccia che prima ti stringevano furiosamente cadono lentamente al suolo,

123

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Marika Rig il 20/03/2010 02:34
    Bello mi piace come scrivi complimenti
  • Liliana Piscopo il 01/12/2009 11:48
    Ti ringrazio davvero per il complimento. Mi rendi molto felice.
  • Alessio R. il 30/11/2009 22:40
    È bellissimo... mi e' piaciuto molto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0