PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Violenza

Sicuramente una persona per star male deve aver fatto del male, perché se e vero che dio esiste, non credo si diverta a farci soffrire senza un motivo e uno scopo benevolo.
Ma si può far soffrire per uno scopo benefico?
Non lo so, ci penso spesso ma non lo so.
Anche se io avessi fatto del male a qualcuno, merito realmente di soffrire? E se questo male fosse stato provocato involontariamente meritiamo veramente di soffrire?
Alcuni dicono che queste sono conseguenze delle nostre azioni, che esse siano volontarie e non, ad ogni azione corrisponde inevitabilmente una reazione.
E come dare torto ad una affermazione così chiara, limpida, pulita e "SCIENTEFICAMENTE PROVATA".
Io per prima credo che sia vero, ma provare tale esperienza o "TEORIA SCENTIFICAMENTE PROVATA", fa malissimo, è come una violenza inflitta continuamente senza tregua, qualcosa che preghi finisca e non trovi pace perché pensi di meritarla.
Joolz Denby, una scrittrice, a tale argomento, la violenza, in un libro letto e riletto non tanto per la storia ma per il significato che le ho dato io, scrive:
"La violenza ti fotte la testa. È come infilarsi un frullatore acceso in testa. Le ossa rotte, le ferite, i traumi alla fine passano, ma il cervello... Bè... il cervello e tutta un altra cosa. Una volta danneggiato, puoi provare a metterci una pezza, ma non tornerà mai più come prima. La violenza te lo incasina così tanto che preferiresti avere tutte le ossa rotte. Arriveresti persino ad implorare Dio finchè ti facesse questo regalo e ti liberasse l'anima..." (Mi scuso se le parole non sono precise, non avevo il libro per cui ho scritto ciò che ricordavo, ma il concetto e quello) E quelle parole scritte credo siano la sacro santa verità, ma e "dio" a farci violenza per punizione ed istruirci per non commettere errori, o siamo noi stessi ad auto flagellarci per puro piacere masochista?
Credo siano domande a cui trovare risposta certe è impossibile, anche perché non si sa se dio realmente esita. Ma sono certa e convinta che la violenza, quella fisica, mentale, la violenza subita o inflitta, la violenza a fin di bene o per pura cattiveria, la violenza lenta o veloce, silenziosa o quella rumorosa, qualunque essa sia debba essere accolta con serenità, e non perché essa sia così forte da farci rimanere inerti, ma perché combattendola l'alimentiamo, facendola crescere e fortificare in ogni uno di noi. Come disse Mahatma Gandhi "... Credo che la non violenza sia infinitamente superiore alla violenza, il perdono più virile del castigo.." "... È la più grande forza a disposizione dell'umanità, è più potente della più potente arma di distruzione che l'ingegno dell'uomo abbia mai escogitato..."

Nella speranza di un mondo migliore

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 07/07/2012 14:18
    C'è chi subisce violenza anche senza aver dato violenza, quindi il ragionamento"tutti ricevono quello che danno" è piuttosto errato se lo si fa persona per persona, il genere umano si è creato una giostra di violenza, potere e denaro e su quella giostra è rimasto, facendo male a se stesso. Libertà, tolleranza esistono, ma sono messe in pratica o comprese fino in fondo da un organismo talmente corrotto dalla benda che ha intorno agli occhi?
  • Christopher Robin il 16/12/2009 16:14
    Niente male come riflessione, mi è piaciuta questa frase:
    ... qualunque essa sia debba essere accolta con serenità, e non perché essa sia così forte da farci rimanere inerti, ma perché combattendola l'alimentiamo, facendola crescere e fortificare in ogni uno di noi.
    Anche se l'ho trovato un po' asettico, quasi un discorso da leggere ad una classe di studenti, e poco passionale come invece dovrebbe essere una riflessione interiore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0