PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il passamano dell'amore

Voi non ci crederete, bambini, ma una volta, il mondo era diverso.
Gli uomini vestivano con abiti semplici, lavoravano la terra, pascolavano le greggi.
Erano felici, perché possedevano il sorriso e sempre se lo scambiavano.
Ma, ahimè, in una foresta nera sulla grande montagna, vi abitava un grande mago, terribile e cattivo.
Si chiamava NONVOGLIORIDERE, infatti piangeva sempre e gli gnomi al suo servizio, avevano le faccine tristi.
Un giorno, mentre passeggiava per la foresta, udì i tagliaboschi, ridere.
Pensò fra se"perché gli uomini ridono e non piangono mai?"
Cominciò a spiarli, nascondendosi nei cespugli, alla fine, roso dall'invidia per la tanta allegria degli uomini, decise di rubarlo.
Poverino, era talmente sciocco, che non pensava che bastava domandarlo per riceverlo in dono.
Così, tornato, furioso alla grotta, chiamò gli gnomi, e disse loro- Mettetevi in fila, vi ricoprirò con la polvere che rende invisibili, andrete fra gli uomini e ruberete il sorriso
Chi non mi ubbidirà lo mangerò a colazione-
Scese la notte ed gli gnomi scesero nei villaggi.
Non appena fu buio fondo, quatti quatti, entrarono nelle case e rubarono il sorriso, tornarono dal mago, che abituato a non sorridere mai, per quanto fece non riuscì a stamparlo sulla bocca.
Per rabbia, lo rinchiuse in uno scrigno.
Al mattino, gli abitanti dei villaggi, appena alzati, s'accorsero che qualcosa in loro non andava, ma non capivano cosa.
Si misero a lavorare, ma il lavoro sembrava pesante, ma fatto strano, bastava una sciocchezza per farli litigare.
La paura li prese, quando per la prima volta, iniziarono a piangere.
Le lacrime erano copiose, tutti ora stavano in casa a piangere, i bambini non vollero più giocare, gli uomini più lavorare e le donne non cucinavano più.
Che mondo brutto era diventato!
Ma in una notte di Dicembre, mentre tutti singhiozzavano, cadde una stella dal cielo, si posò dolcemente su un prato.
Nacque un fiore con la corolla d'argento chiusa, che si aprì coi primi raggi del sole.
Dentro v'era un bambino, straordinariamente bello e magico, il quale scese dalla corolla, prese i vestiti
appesi allo stelo, si vestì e cominciò a camminare verso il villaggio. Udì da lontano il pianto degli uomini.
Rimase alquanto sorpreso, bussò alla porta di una vecchietta, Marietta e domandò cosa mai fosse successo.
Lei le raccontò la storia del mago NON VOGLIORIDERE, che aveva rubato il sorriso.
Il bambino rassicurò la donna dicendole -Marietta, non aver paura. apri la tua mano, quando finirò di dire la formula misteriosa, chiudila-

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 02/08/2012 13:48
    Ho letto diversi racconti tuoi. Non mi meraviglio davvero che tu sia riuscita a scrivere due libri. Hai proprio il senso della favola e riesci a dare ad ognuna di esse il contenuto bello, pedagogico che la favola, di solito, aspira ad avere.
  • franco buldrini il 26/01/2010 10:50
    Bella favola. Sarebbe per un sognatore, da vivere anche nella realtà del 2010. Ciao speciale
  • Ruben Reversi il 25/12/2009 21:05
    una stupenda fiaba che incanta! brava. Ruben
  • Anonimo il 25/12/2009 11:42
    Una bella favola... hai provato a raccontarla ai bambini?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0