username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sono io

È da un po' che ci rifletto, ho passato, in questi giorni di festa, tutta la mia vita in rassegna.
Penso a tutti i miei incontri, a tutti i miei momenti che non ho saputo sfruttare, penso a tutte le volte che volevo fermare l'attimo accanendomi affinchè rimanesse e alla fine l'ho perduto.
Penso a tutto il tempo perso dietro a quello che io credevo fosse l'unico valore per cui valesse la pena vivere, l'amore.
Ho trascurato lo studio, non sono un arrivista, non lo sono mai stato. Ho trascurato gli amici perchè credo siano pochi, pochissimi quelli veri e "forse" solo dopo anni ci si può veramente conoscere e non fino in fondo.
Ho 40 anni e non ho fatto carriera, il lavoro l'ho sempre considerato importante per vivere, non per diventarne schiavo.
Ho sbagliato.
Devo ammettere che le persone che ho conosciuto, qualcosa nella vita hanno combinato si sono realizzate o per lo meno stanno sulla strada giusta.
Io devo ancora iniziare.
Il mio obiettivo principale era di non ripetere gli errori dei miei genitori e trovare "LA" persona ideale con la quale formare una famiglia. Ma l'ideale non esiste. C'è solo la realtà e con essa bisogna fare i conti. Bisogna invertire la rotta.
Il mio canone inverso.
Sono io che ho sbagliato i riferimenti, guardavo da una parte e dall'altra mi sfuggivano molte verità.
Sono io, non sono gli altri.
Buonanotte.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • alessandra palmas il 30/01/2012 12:05
  • Anonimo il 06/01/2010 02:54
    L'avevo una famiglia e me ne sono andato, ho avuto chi con amore e pazienza d'anni da me lo avrebbe voluto,
    ... la carriera? Gesù lasciamo stare.
    Si io credo proprio d'essermele cercate volute le mie angoscie,
    forse siamo davvero un po' masochisti alle volte volendo provar piacere dal dolore.
    Bel racconto Massimo... buonanotte.
  • massimo di veroli il 29/12/2009 15:50
    @per Giuseppe, grazie del commento ma che NON volevo una famiglia non l'ho scrittto.
    Grazie a tutti!
  • Giuseppe Tiloca il 29/12/2009 14:53
    Sei tu... che devi ancora capire qual'è la tua strada..
    alcuni l'hanno gia capita, e si impegnano per portarla avanti.
    Non hai avuto carriera, non volevi la famiglia.
    Bravo bel racconto
  • giovanna raisso il 29/12/2009 11:21
    "io devo ancora iniziare"..è già un inizio..
  • Viky D. il 28/12/2009 20:39
    Guardare la propria vita sotto una lente d'ingrandimento non può fare che bene, secondo me. Il tuo può essere un momento di transizione che ti porterà ad una strada tutta in salita. La tua strada.
    Auguri!
  • Anonimo il 28/12/2009 20:35
    Prima o poi il sole tornerà a splendere credici, augurissimi
  • Anna Maria Russo il 28/12/2009 19:02
    Ma non è troppo tardi per cambiare... io penso che tu lo possa fare... un abbraccio e che il 2010 ti riservi ciò che non è satto fino adesso
  • Kartika Blue il 28/12/2009 14:47
    Quanta amarezza, mi dispiace!! Ma forse è solo un periodo in cui vedi tutto nero... ti auguro splendide novità per il 2010!!
  • Anonimo il 28/12/2009 13:07
    IN QUESTA TUA MI RISPECCHIO MOLTO.. LA FACCIO UN Pò MIA E TI DICO DI RIMANERE.. TU
  • vincent corbo il 28/12/2009 12:35
    Tu non hai sbagliato nulla. Sono gli altri che hanno sbagliato. Sei una grande persona, non lo dimenticare mai.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0