PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il viaggio

Scende l'ultimo gradino.
Appoggia la valigia davanti ai piedi. Si ferma.
Il fischio improvviso, dietro. Guarda l'orologio, sul campanile, accanto a casa sua. Alla casa dei suoi genitori, ormai. Le mani penzolano lungo i fianchi, inermi, come le braccia. Solo il luccichìo di una lama si intravvede dalla lunga manica dell'abito da sposa. A coprirlo un soprabito da uomo, blu, grande quasi quanto il vestito.
Piove, ora. Piano piano scende la pioggia, le nuvole nel cielo si accartocciano e si arrotolano pronte a sprigionare sentimenti inesplosi di rabbia troppo a lungo trattenuti.
Guarda il cielo. Guarda i suoi piedi. Le scarpe macchiate. Peccato - pensa. Non potro' neanche darle a mia figlia. Se femmina sara'...
Poi si incammina. Il treno ormai e' lontano. Sfrecciato via. Ma non il passato.
Si sentono gia' le sirene in lontananza. Sibilo insistente, in avvicinamento, mescolato a tuoni e pioggia. Continua a camminare. Passo dopo passo lentamente ritmicamente al tempo del rintocco delle campane, cammina.
Sono le sette. L'ora della cena per mamma e i suoi fratelli. Ultimo sprazzo di liberta' per lei. Prima della fine.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Sergio Fravolini il 19/09/2010 15:39
    Racconto breve ma intenso.

    Sergio
  • rainalda torresini il 06/01/2010 18:21
    Brava, mi piacciono i tuoi raccconti, brevi e intensi.
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/01/2010 11:35
    Un racconto diverso; insolito, telegrafico, ben scritto, breve e carico di suspense.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0