username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cappuccetto Rosso: la Vera Storia

Tanto tempo fa, in un bosco ai bordi di un piccolo paese, viveva un lupo di nome Bartolomeo. Bartolomeo era talmente grosso e nero e aveva denti così aguzzi e acuminati che tutti lo chiamavano "Mangia-uomini" e nessuno voleva parlare con lui. In particolare il cacciatore che cercava in tutti i modi di ucciderlo.
Ma Bartolomeo in realtà era un lupo di indole buona, vegetariano per scelta, non aveva mai ucciso nessun animale, tanto che tutti gli abitanti del bosco erano diventati suoi amici.
Pacifico per natura, non riusciva a sopportare l'idea di non essere accettato dagli esseri umani, perciò cercava ogni occasione per fare amicizia con loro.

Un giorno, mentre passeggiava per il bosco, incontrò Cappuccetto Rosso. La bambina non sapeva che il lupo era considerato cattivo, perciò non ne aveva paura e si fermò a parlare con lui.
"Buon giorno Cappuccetto Rosso", disse Bartolomeo.
"Buon giorno a te", rispose la bambina.
"Dove vai Cappuccetto Rosso, così presto di mattina?"
"Vado dalla nonna."
"Cosa porti nascosto sotto il grembiulino?"
"Vino e torta. È fresca. L'abbiamo cotta proprio ieri sera, così la nonna che è debole e malata si rinforzerà."
"Dove sta la tua nonna?"
"A un quarto d'ora da qui, nel bosco; proprio sotto le tre querce, là c'è la sua casetta e lì vicino c'è un gran cespuglio di noccioli, hai capito dove?"
"Sì certo, è un bellissimo posto"
Mentre diceva quelle parole Bartolomeo si ricordò che la strada che portava dalla nonna era proprio quella dove aveva visto aggirarsi il cacciatore malvagio. Doveva impedire alla bambina di fare quella strada, il cacciatore era tremendamente pericoloso, ma non voleva certo spaventarla. Come poteva fare? Doveva convincerla a cambiare strada senza rivelarle il perché.
"Ma come sei tutta seria Cappuccetto Rosso? non vedi come sono belli i fiori e gli uccellini?" continuò.
Cappuccetto Rosso alzò gli occhi e vide i raggi di sole che filtravano danzando attraverso gli alberi.
"Hai ragione, non ci avevo mai pensato, è proprio bello il bosco"
"Se vai da quella parte" disse il lupo indicando una diramazione nel sentiero "Troverai una radura con dei fiori bellissimi"
"Se porto un mazzolino di fiori alla nonna, certo le farà piacere. È ancora così presto" mormorò la bambina e decise di proseguire per la strada indicatale dal lupo in cerca di fiori.

Bartolomeo intanto si diresse svelto a casa della nonna per accertarsi che il cacciatore non volesse farle del male. Gli piaceva così tanto quella bambina che era stata così gentile con lui, che non voleva vederla triste, non poteva permettere che quell'uomo malvagio facesse del male alla nonna.

123

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Simion Fabbri Joan il 02/12/2015 12:58
    Hai un'immaginazione veramente acuta, complimenti!!!!! Davvero originale, straordinaria!!!
  • Apfel La Mela il 17/10/2010 19:06
    Tristissima!!!! Ma molto molto bella!! E anche originale! Complimenti!!!!!
  • Anonimo il 11/01/2010 22:32
    vatti a fidare dei cacciatori!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0