PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Marco e Giulia

Stavano percorrendo l'autostrada, Marco e Giulia, lui guidava svogliatamente e distrattamente. I pensieri lo distraevano, pensieri evanescenti, veloci e rapidi che si formavano per poi scomparire come un'onda sulla battigia. Marco cercò di fermarli e di formarne uno, in particolare, che si snodasse lungo un percorso da lui guidato. Distraendosi ancor di più dalla guida, che del resto non richiedeva particolare attenzione, la sua mente iniziò a dedicarsi alla sua compagna di viaggio, sua moglie Giulia, moglie ormai da 12 anni.
Cosa mi lega ancora a lei? Non sono più innamorato e questo è evidente ormai da tempo. Ma non parliamo di innamoramento, per favore! Soffermiamoci sull'amore che si consolida tra una coppia che oltretutto condivide un figlio di 10 anni. È chiaro che non provo neanche amore per Giulia. Ma allora perché ci sto insieme? Per Matteo? Forse si, direi che forse... si sono convinto che sia lui il collante ma forse non è proprio così a dire il vero potrebbe essere la mia pigrizia, non ho voglia di. La detesto ormai, non gli voglio neanche più bene, non più affetto niente di niente altro che amore... E non parliamo del sesso quello si che. Pigrizia hai detto bene, non ho mai neanche tentato di farmi una relazione extraconiugale, se non è pigrizia questa! Tanto a lei non sarebbe fregato un cazzo, cuore di pietra... con me. Chissà se mi tradisce, non credo me ne accorgerei. Del resto neanche ho mai visto coppie felice, ho visto solo relazioni trascinarsi avanti. In fondo non hai sempre proclamato che siamo nati per procreare e non per formarsi in coppie durature (non parliamo poi del "per sempre")? Giusto il tempo per rendere autosufficienti i figli. Matteo sarà autosufficiente? Cazzo dici scemo ha solo 10anni. Si ma io non ne posso più a lui ci penserà sua madre io gli passerò i soldi lo vedrò certo non ho mica detto che lo abbandono completamente. Ma devo fuggire. Trova le palle per farlo trovale e tirale fuori una volta in vita tua. Scappa e rifatti una vita, adesso sei uno straccio che lavora 10 ore al giorno, va a fare la spesa, il sabato da Ikea la domenica porti in bici il figlio mentre lei cucina il pranzetto del giorno di festa. Mangi dormi e lavori. Per la tua anima ti sei lasciato ben poco, ti sei fatto divorare tutto. E non hai più niente da dare a nessuno, neanche a tuo figlio.

Giulia fissava la strada mentre la radio suonava musica italiana. Annoiata. Non vedeva l'ora che quel viaggio fosse finito e fosse finita anche quella tortura dovuta allo sforzo di iniziare qualche discorso come forma di cortesia dovutagli semplicemente per il fatto che lui stava guidando. Annoiata.
Non ne posso più di questa storia ormai è finita ma da un pezzo è finita ed è finita da quando poi ho conosciuto Walter lui si che è un bel tipo cazzo, lo avessi incontrato prima, prima di conoscere ed innamorarmi di questo smidollato stronzo, perché è anche stronzo quando vuole e lo vuole sempre più spesso. Stronzo! Poi forse non ne sono mai stata innamorata. Chissà cosa mi è passato per la testa povera scema. Non tenta neanche più di scoparmi e questo è un bene così devo evitare la solite scuse che sono stanca oppure ho mal ti testa ho le mie cose no di quello se ne accorgerebbe ma no non si accorge più di niente neanche se gli cucino carne o pesce. Walter invece sì che sa scoparmi come si deve. Devo dire però che in fatto di sesso Ivan era stato il migliore non solo per le dimensioni si quelle vogliono dire perché anche psicologicamente... ma si potrebbe aprire un dibattito. Vediamo con Walter come continua per il momento siamo abbastanza presi tutti e due ma poi vediamo lui non ha famiglia e questo è pericoloso, magari vorrà farsela prima o poi, o mi lascia o presto comincerà a rompermi le palle come aveva fatto quello... come si chiamava... brutto segno dimenticarsi i nomi... si Vincenzo, quello che stava vicino alla stazione. E mi ero detta mai più storie con sfigati senza famiglia. Ecco! Subito ci sei cascata come una polla ma al cuor non si comanda proprio vero altro che ragioni... E quel tipo dell'Amministrazione che mi ha offerto il caffè due mattine fa, mi sta dietro da un po' lo vedo come mi guarda credeva non me ne fossi accorta... io ho un occhio anche dietro le spalle le fiuto queste cose, non me la si fa, me ne accorgo sempre prima degli altri. Lui ha tre figli non lascerà mai la famiglia troppo casino con tre, e comunque staremo a vedere quanto si darà da fare se ci tiene se la deve sudare non sono una mica una facile io ma se dimostrerà di meritarsela... Oh merda la coda ci mancava anche questa. Quanto tempo ancora dovremo restare in questa cazzo di macchina?

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0