username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La guerra all'Argentiera: Primo bombardamento 1/9

Il mio racconto comincia qui, in questo paesino di mare chiamato Argentiera, questo mio racconto vi narrerà della povertà, della miseria, della fame, della seconda guerra mondiale, in Nord-Sardegna.
Paure, sorrisi, ricchezze, famiglie, bombe, giochi. Da qui, si susseguono nove storie, tutte vere, testimonianze e ricordi, che la gente non ha dimenticato, ma che conserva tutt' ora.

- L'Argentiera, così chiamata per la miniera di argento che è all'interno del paese, è un piccolo paese, in provincia di Sassari, che si affaccia su uno splendido e cristallino mare. La ricchezza del luogo è la miniera, dove le persone lavorano talmente tanto, per pochi soldi e per riuscire ad estrarre il prezioso minerale.
Il paese cresce per le creste delle montagne verdeggianti della Nurra, ed ha come cornice una fantastica vegetazione della macchia mediterranea. Vi è, inoltre, una sola strada, che acceda al paese, ed una secondaria, che porta al pozzo della miniera, e finisce li. Tutto il resto, solo sentieri e terra brulla.
Anche qui, è arrivata la guerra. Aerei, sottomarini, bombardamenti, si, anche quelli.
La guerra travolse questo paese isolato pochi anni dopo il 1940, esclusivamente per le ricchezze, e per la vicinanza ad Alghero ( che a quell'epoca risultava una località strategica, perché possedeva sia porto, che aeroporto. )
Vi racconterò delle vicende di una famiglia, la famiglia Muroni, che vive in una casa sopra la collina, vicino al centro abitato, dove si gode una perfetta visuale dei dintorni. È formata da sette componenti, Gavino e Caterina, i capofamiglia, Antonietta, Maria, Fanni, Lucia ( la protagonista ), le figlie, e Tore, il figlio maschio.
In questi tempi, la famiglia di Lucia, dovrà affrontare fame, miseria, povertà e paura. Si, paura, perché da un momento all'altro potrebbero sbarcare nemici, magari i francesi potrebbero sganciargli bombe, anche altro, forse.

- È sera, il Sole volge al suo termine, e si spengono tutte le candele, per evitare di essere visti da fuori. Lucia e la sua famiglia si avviano al piano superiore, per andare a dormire, ma, all'improvviso, << Ahh! >>, ecco spuntare un topolino, che fa prendere un bello spavento ad Antonina, che si mise subito ad urlare impaurita. La madre raggiunse subito la scena, << Su Antoniè! È solo un topo, finiscila prima che ci sentano! >> con queste parole, la ragazza andò verso camera sua, insieme a Lucia e Fanni, con cui divideva la stanza.
<< Buonanotte, sorelle >>, << Notte! >>..
<< Uuuuuhhhhh >> pochi secondi dopo le ultime parole delle sorelle, si sentì un boato, un suono terrificante: è l'allarme della miniera, significa che qualcosa di brutto si sta avvicinando al paese. Al suo solo sentire viene la paura, ed il cuore alla gola.

1234

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Donato Delfin8 il 09/02/2010 09:10
    Bravo Giusè sei la conferma di ciò che dicevamo

    Continua così
  • fabio martini il 08/02/2010 20:21
  • Len Hart il 31/01/2010 19:30
    great, I really like it!!!!!!
  • Dolce Sorriso il 28/01/2010 20:46
    siete due persone stupende...
    complimenti bel racconto
  • Anna G. Mormina il 28/01/2010 15:30
    È un bel racconto Giuseppe... tua nonna è una persona speciale, come te!!!... un bacione!!!
  • alice costa il 27/01/2010 14:14
    un racconto splendido... una vera testimonianza di quel periodo bellico ed anche una descrizione di Argentiera che mi ha permesso di conoscere un pochino questo paese
    Grazie Giuseppe
  • Anonimo il 26/01/2010 23:25
    Una storia di vinta scritta bene e interessante, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0