accedi   |   crea nuovo account

Haiti

Mentre scorrevano le notizie e i filmati del terremoto di Haiti in cui i bambini guardavano loro malgrado la telecamera di cronisti vestiti come indiana jones, con tanto di cappello con visiera() e gruppetti di persone che passavano, con visi sconvolti, ma puliti come una serata di gala, io e il mio amico Franco, degustavamo il caffè in un locale del centro dove, all'ora di pranzo si trasformava in un self service, cui tutti gli impiegati della zona usavano andare perché si dominava un grosso incrocio stradale, e dall'alto delle loro poltroncine almeno per una buona mezzora erano loro a guardare gli altri dalla posizione di dominio, una tv lcd ultima generazione dava al locale una nota di modernità, anche se era stato arredato nel 60 e così era rimasto, insieme alla tv un paio di climatizzatori per giunta sempre rotti regnavano tra le ragnatele in una parete centrale, in fondo al locale, mentre la caffetteria era situata all'ingresso, praticamente era come un circolo ricreativo per tutti, le facce dei bambini venivano colte da tutti gli avventori e tranne un gruppo di ragazze che accompagnavano dei bambini down a mangiare li anche loro, nessuno stava a guardare per più di tre secondi, questo per evitare di commentare le immagini,.-
Quando ad un punto nelle vasche del self service arrivò un vassoio di patatine fritte, che attesa perché in ritardo, in tanti erano già seduti aspettando di ritirare la loro porzione, un gruppo di circa 20 persone si alzo quasi contemporaneamente e tutti con le mani in avanti chiedevano un piatto di patate fritte in un olio sicuramente annerito dal tempo, ma nonostante tutto erano lì che si spingevano e sgomitavano, alzai gli occhi con davanti la mia tazzina di caffè e guardando le immagini di quelle persone che dietro i camion della croce rossa si spingevano e si sgomitavano per prendere un sacchetto di cibo,.-Haiti uno dei paesi più poveri del mondo, ci voleva un terremoto per vedere quello che non volevamo vedere.-

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: