username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Avrei voluto

Avrei voluto essere una brava sorella... perdonami sorella
Avrei voluto essere una brava amica... perdonami amico
Avrei voluto essere una brava figlia... perdonami madre
Non merito nulla quindi vi prego smettetela di darmi tutto.
Passo la mia vita a chiedere perdono, passo la mia vita con il peso della colpa sulle spalle, arriverà mai il tempo in cui voi chiederete perdono per avermi trasformato in quello che sono?
Abbandonatemi vi prego perché le continue scuse che vi devo provocano solchi profondi nel mio orgoglio.
L'orgoglio di una bambina sola e tradita da una vita troppo amara da mandare giù ma allo stesso tempo troppo invitante per non assaggiarla.
Cos'altro vi aspettate da me? Credete veramente che un giorno riuscirò a uscire dalla prigione bianca e nera in cui mi avete rinchiuso?
Spezzatemi le ossa, succhiatemi il sangue, strappatemi il cuore e guardatelo battere, non batte forse come i vostri? Allora perché il mio non ha valore?
Cosa rende un persona meritevole di vivere?
Vedo l'oro che circonda le vostre esistenze e ne sono invidiosa, sapere che per quell'oro mi sacrificate ogni giorno... vi odio.
Ogni singolo giorno costretta a dire parole che hanno il sapore della ruggine e a sentire le vostre che hanno l'odore della cenere mentre quell'urlo disperato soffoca dentro di me corrodendomi l'anima. Quell'urlo che mi ucciderà e che nessuno sentirà mai.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Marcello Insinna il 27/10/2011 19:28
    Molto intenso! Chiedere perdono vuol dire consapevolezza di aver sbagliato: è già un buon inizio.
  • Emanuele Perrone il 12/07/2011 13:10
    uno sfogo... quando ce vole ce vole
  • Free Spirit il 16/02/2010 14:51
    Un urlo afono, lanciato con l'asfissia nei polmoni, un urlo che deve ritrovare solamente la sua voce ed accordare la sua melodia, alzare il suo frastuono. Quest'urlo dell'anima che qualcuno saprà e dovrà ascoltare prima o poi.
    Fottitene dell'oro che sfoggiano gli altri, anche tu sicuramente hai il tuo metallo prezioso da mostrare e se non sarà dorato sarà un bell'argento pregiato, l'importante è che tu lo ripulisca da quella ruggine che cerca di corroderlo.
    Forte e disperato il tuo sfogo interiore
  • Anonimo il 15/02/2010 15:55
    Molto bella e piena di spunti di riflessione!