accedi   |   crea nuovo account

Quello che le mutande non dicono

Cara Kitty,
oggi pomeriggio è successo di nuovo.
Me ne stavo tranquillamente piegato sulla spalliera della sedia davanti al computer e improvvisamente la stronza entra e mi si avventa sopra insultandomi.
Mi accusa di essere sporco, lacero, mi strizza forte con l'intenzione di soffocarmi, mi annusa (io e lui sospettiamo che sia pure feticista), poi mi lancia nell'orrida, puzzolente cella di isolamento.
Ma magari fosse isolamento! Qua siamo in duecento, tutti diversi, con storie diverse, chi ha percorso tanta strada, chi ha sudato per arrivare in tempo, chi si è macchiato di colpe non sue.
Tutti con la stessa maledetta accusa di essere, sia dentro che fuori, sporchi.
Oddio, eccola che si avvicina.
Le ultime preghiere, meste, prima che la bocca rotonda avida infernale, l'oblò della macchina della tortura si apra e ci inghiotta tutti.
Silenzio interminabile -secondi di eternità- mentre tutti stiamo pigiati in questa gabbia buia, fredda di acciaio (inox) uno sopra l'altro, uno dentro l'altro, non c'è nemmeno più la voglia di chiedersi chi di noi è nuovo, non c'è più dignità.
Ecco: nell'oscurità si chiude il portello.
La sentiamo mentre là sopra gorgoglia il veleno che ha portato dal Campo di Marsiglia.
Ci siamo, l'acqua inizia a salire.
I calzini piccoli strillano, la vecchia felpa cerca invano di consolarli.
Niente da fare, comincia a girare la testa forte, sempre più forte.
Il pestaggio, la corsa sfrenata, siamo storditi, fradici, con le fibre sfinite dall'inutile resistenza alla forza centrifuga.
La fine.
L'aguzzina apre la porta. Vapore: miasmi che lei chiama -cinicamente- profumo.
Eccoci qua, adesso, senza più colore, senza personalità, senza volontà di resistere.
Siamo puliti ora.
E domani vi obbediremo in un'altra delle vostre, quelle sì, luride sporche giornate.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Kossakowski il 16/09/2013 15:23
    Bravo, bel racconto. Mi hai regalato un sorriso.
  • elisa il 13/06/2012 12:03
    originale e gradevole
  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 30/09/2010 15:47
    è bellissima, inconsueta e geniale la tua opera. chi andava ad immaginare la biancheria sporca dalle prime righe!
    complimenti
    guido orbelli
  • isabella zangrando il 18/02/2010 16:40
    un racconto diverso, sorprendente. breve e divertente, mi è piaciuto
  • laura marchetti il 18/02/2010 12:28
    semplicemente... geniale!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0