accedi   |   crea nuovo account

Il ritorno del cuoco

La cucina, che ben conosciamo è animata soltanto dagli utensili, ormai disoccupati. I piatti e le pentole sbuffano dalla noia. Il bel cucchiaione grattandosi la pancetta sbadiglia a tutte le ore. Il tavolo da lavoro è sgombro, solo un po' di farina annerita dal tempo.
Regna il buio ed il silenzio; quanto squallore per una cucina così festosa ed allegra ai tempi di Katjuscia, Alice ed il cuoco, sempre brillo ma non troppo.
Ad un certo punto si sente un giro di chiavi nella toppa della serratura, la maniglia interna, avvertita da quella esterna, grida a squarciagola:

- Il cuoco, il nostro cuoco è ritornato.

Gli astanti tutti:

- Evviva! Viva il nostro cuoco!

Il cucchiaione smettendo di sbadigliare e di grattarsi cominciò a cantare e danzare, a lui si unirono tutti gli altri. Il cuoco avvicinandosi al tavolo di lavoro li salutò alla maniera militare, richiamandoli all'ordine. Poi pulendo il tavolo ci mise sopra la spesa appena fatta. Sfilarono così come in un defilé: Sale , farina doppio zero, uova, pepe, noce moscata, carne macinata mista e cioè di suino e bovino, parmigiano, groviera, ricotta mista, passato di pomodoro, olio extra vergine d'oliva toscano. Tenendosi in mano quella famosa fiaschetta di vino rosso ed un calice appena comprato.
Il cuoco rivolgendosi a quelli che definiva suoi sudditi e servitori, soddisfatto disse:

- Signori miei, penso che per fare un po' di cannelloni casalinghi c' è davvero tutto, che ne dite?

Tutti annuirono e quindi aggiunse:

- Però devo prima lavarvi, visto che non siete stati usati per moltissimo tempo.

Ma prima di mettersi all'opera versa del vino nel calice, ma prima di portarlo alla bocca si rivolge al cucchiaione, che lo aveva guardato in un certo modo, dicendo:

- Eh si, caro cucchiaione mio, il medico mi ha detto che devo diventare astemio, se ci tengo alla vita, perché ho la cirrosi epatica.

Il cucchiaione:

- A principà, ma che si diventato arabo? Non ti capisco proprio, che è 'sta cirrosi epatica? E cos'è astemio?

Il cuoco sorpreso:

123

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • alice costa il 26/02/2010 20:37
    finalmente un ritorno gradito... il cuoco con le sue squisite ricette... la cucina che si rianima e tra una teglia e una fiaschetta parlanti... una bellissima fiaba.!!!!
    un applauso..
  • Cinzia Gargiulo il 26/02/2010 20:19
    Racconto simpatico ed originale. Concordo con Ugo nel ritenere che devi essere un buon cuoco.
    Certo che leggere di cannelloni all'ora di cena mette una gran fame!
    Un abbraccio...
  • Vincenzo Capitanucci il 25/02/2010 09:09
    È tornato... il Cuoco... a rimettere ordine e gioia.. dove regnava buio... silenzio... squallore... noia... a ridonar nella cucina ebbrezza...
    Sei un vero Maestro... Don... un calice... ed un vino bevuto direttamente dalla Fiaschetta... alla Salute...
    Bisognerebbe leggerlo più volte... per afferrare tutta la sua ricchezza...
  • francesca cuccia il 25/02/2010 08:32
    Simpatico questo racconto, cucina ed un bel appuntamento,"Saluto amico"
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/02/2010 12:48
    Con "Il ritorno del cuoco" mi ritrovo un Don Pompeo Mongiello provetto favolista. Delicato e simpatico nell'esposizione, attraente e originale per la scelta dell'argomento. Apprezzate anche le ricette a sorpresa, secondo me, scaturite da una sua nascosta passione per la cucina.
  • Anonimo il 23/02/2010 19:38
    Molto bella questa cucina animata, ma mi ha messo una fame!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0