PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Odio

Odio gli sguardi di sfuggita e dover sfuggire dagli sguardi.
Odio chi fugge da se stesso pensando che le sue colpe siano degli altri.
Odio la congiuntivite e i congiuntivi, le congiunzioni astrali, i congiunti avari, i congedi amari, i congegni nucleari, le congestioni veicolari, le congetture unilaterali e le congiure personali.
Odio il ponte sullo stretto e sentirmi stretto sopra il ponte.
Odio i vip e l'isola dei famosi, gli stilisti e l'asola dei famosi, le auto e l'isola pedonale dei famosi, le sigarette e l'isola dei fumosi, l'Italia e la penisola dei famosi.
Odio Gigi D'Alessio perché moltiplicato per gli 883 da Zero Assoluto, che non mi serve a niente.
Odio chi alza le mani, chi mette le mani avanti, chi ruba a piene mani e se ne lava le mani mettendosi mani in alto, chi ha le mani bucate, chi calca la mano nell'andar contromano, chi bacia la mano, chi non sa tenere per mano, chi si mette le mani nei capelli e non se le mette sulla coscienza.
Odio le persone che ti ascoltano soltanto se parli di loro.
Odio chi non vuole avere voce in capitolo e neanche in paragrafo o nella singola linea.
Odio gli oculisti e i dentisti quando dicono <occhio per occhio, dente per dente>, i cardiologi quando dicono <al cuore non si comanda>, gli ortopedici quando dicono <chi va con lo zoppo impara a zoppicare> e i radiologi quando dicono <sei più bello dentro che fuori>.
Odio chi sa mentire, chi sa partire e chi è incapace di soffrire.
Odio la pioggia battente e la pioggia ricevente, i ricevimenti, la ricevuta fiscale, la ricevuta di ritorno, la grazia ricevuta e chi riceve senza dare.
Odio la ruota della fortuna, la ruota di scorta, la ruota di Venezia, la prima ruota del carro, la ruota panoramica e il pavone quando fa la ruota.
Odio il mondo perché è tondo e chi pensa di conoscerlo a fondo.
Odio chi sporca la natura e chi è sporco di natura, chi uccide l'immaginazione e chi immagina un'uccisione, chi non ha senso dell'umorismo e chi ha un umorismo che non ha senso, chi non conosce la vergogna e chi non si vergogna di non conoscerla, chi chiude con il passato e chi si chiude nel passato, chi pensa di farla franca e chi la Franca se la fa davvero.
Odio la volta celeste perché mi dà di volta il cervello.
Odio il sole perché è troppo distante.
Odio la luna perché viene di notte come fosse un'amante.
Odio il giorno di Pasqua perché si sposta continuamente e il martedì grasso perché non serve a niente.
Odio che il punto debole del mio punto di vista sia di trovare, di punto in bianco, come unico punto di riferimento la ricerca del punto della situazione.
Odio la madreperla e la figliaperla, la fazione della torre e la torrefazione.

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Dino Borcas il 19/03/2010 19:41
    manca: odio quelli che lasciano un commento solo per prendersi 10 crediti...
  • francesco verducci il 01/03/2010 18:24
    Odio (solo per restare in tema) dare giudizi anche positivi, ma questo racconto, pur sembrando fatto di frasi contraddittorie, è la somma di tutto l'odio di cui è capace l'uomo ma anche del suo contrario. Perciò, il finale è più che appropriato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0