username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La ragazza con i fiori tra i capelli

Era una tranquilla domenica di luglio, avevo circa 10 anni: troppo grande per essere considerato un bambino, troppo piccolo per essere accettato tra i ragazzi.
Mi sentivo ovunque in disagio, come un nomade, non riuscivo a trovare un luogo a cui appartenere...
A questo si aggiungeva il particolare che non mi piacesse molto giocare a calcio a differenza della stragrande maggioranza dei bambini della mia età.
Adoravo leggere. Tantissimo. Ogni volta potevo diventare un altro: ero stato un pirata, un ladro e una volta anche un killer.
Anche in quella domenica di luglio ero steso al sole a leggere. Un autore giapponese.
Il mio corpo giaceva immobile violentato dai raggi del sole che arrossiva la mia pelle candida. Avevo caldo ma non mi sarei spostato all'ombra pur di non staccare gli occhi dalle pagine di quel libro. La spiaggia era piccola e ovunque vi erano sassi. Faceva male camminare. Il mare era limpido e, chiudendo gli occhi, quasi potevo riuscire a sentire l'acqua che passava attraverso le pietre e gli scogli frusciando e stridendo componendo una dolce melodia che richiamava dimenticati lontani suoni orientali.
Sognati.
Accanto a me dei bambini giocavano: sorrisi quando mi accorsi che costruivano castelli di pietra in mancanza della sabbia. Castelli che somigliavano più a cumuli di pietre che rievocavano antiche tombe greche erette in nome di dei dimenticati al fine di ottenerne la benevolenza. Avevo letto di quelle tombe chiamate "a Tholos" su un libro che parlava dell'odissea. Mi tornarono in mente Ettore e Achille. Il corpo lacerato dai cani e dagli uccelli del povero Ettore che riposava inerme come una bambola rotta dopo essere stato trascinato intorno a tutta la città. Su quel libro c'era anche un'immagine.
Rivolsi ancora una volta gli occhi verso il mare e le onde, tentai di ascoltare la voce delle sirene ma quello che sentii furono soltanto schiamazzi e urla in dialetto della gente che prendeva il sole in spiaggia.
Riportai gli occhi sulla pagina che stavo leggendo. Lessi alcune righe poi chiusi il libro decidendo di prendermi una pausa.
Iniziai ad osservare ancor più minuziosamente ciò che mi circondava e ad ascoltare i discorsi che una donna anziana pronunciava catturando l'attenzione delle amiche. Sembravano interessanti. Era circa mezzogiorno e la spiaggia era ormai ricoperta di salme stese ad asciugare e arrostirsi al sole.
Uomo al mare: primo caso di animale che per il quieto vivere si cucina da solo e si autocondisce con creme al cocco, fragola e frutti tropicali.
In lontananza i gabbiani volavano sfiorando l'acqua. Li osservai volare incantato e affascinato dal loro splendore e dalla loro candida eleganza e pensai che in fondo fossero tristi.
Vivevano una vita che ruotava tutta intorno al cibo e alla sopravvivenza e poi morivano senza lasciare segni del loro passaggio su questa terra. Mi sembrò una cosa triste. Ma forse questo era dovuto al fatto che leggessi troppo e cose che un ragazzino di 10 anni non avrebbe dovuto leggere.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alberto Veronese il 05/03/2010 08:07
    bel racconto, letto con piacere. complimenti.
  • ayumi il 03/03/2010 09:18
    grazie... vedo che continui a leggere le mie "opere" anche se era da molto che non pubblicavo qualcosa, quindi... grazie a te per i tuoi commenti che mi infondono la voglia di scrivere ancora...
  • Ivan Bui il 02/03/2010 20:30
    Un modo di raccontare quasi sussurrato, dolce malinconico. Mi piace chi per scrivere non ha bisogno di... effetti speciali. Brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0