PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il regno del cuoco brillo

Nella grande cucina del cuoco brillo, ma non troppo, stanno succedendo cose davvero straordinarie.
La prima è la visita inaspettata di Alice, la sua nipotina, accompagnata da un' altra bambina, più o meno della stessa età.
Gli utensili, le posate, i piatti, le pentole e soprattutto un piccolo tegamino ed il cucchiaione applaudono felicissimi a questa vista.

Il cucchiaione:

- Che bella sorpresa, finalmente sei tornata mia principessina!

Alice:

- Perché principessina?

Il cucchiaione:

- Perché sei bellissima, con quelle guancette tutte rosse e paffutelle e poi, quei tuoi occhioni azzurro mare, mi ci tufferei.

Alice:

- Grazie del complimento, ma non esageriamo.

L' altra bambina sentendosi ignorata non riesce a trattenere delle lacrime, una di queste cadendogli sul mignolo esclama:

- Asciugaci su! Vedrai che in questo bel cucinone c' è posto anche per te, anche tu sarai principessina, perché la grazia non ti manca davvero.

Infatti il primo ad accorgersi di lei è proprio il cuoco, che rivolgendosi ad Alice chiede:

- Chi è questa bella bambinetta?

Alice:

- Paoletta, anche lei è tua nipotina, che ancora non conosci, mia cugina, figlia di zio Peppe.

Il cuoco brontolando:

- Oh Peppe, Peppe figlio mascalzone! Ma lasciamo perdere, venite ad abbracciare il vostro nonnino.

Le bambine non se lo fecero dire due volte e gli saltarono al collo, abbracciandolo e baciandolo. Il cuoco emozionato spese anche lui delle lacrime, che se ne stavano buone buone fra le candide palpebre. Poi si accorse della sua fiaschetta, la prese e versò il liquido di Bacco, detto anche sangue di toro, nel suo calice e se lo tracannò in un sorso solo. Poi rivolgendosi di nuovo alle bambine e a tutti gli astanti, compresa la spesa che era già sul tavolo da lavoro, dice:

1234

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • cesare righi il 11/03/2010 16:51
    Son riuscito a ritagliarmi un attimo ed ho letto il tuo racconto.
    Veramente bello, sono riuscito a vedere gli oggetti e le persone... anoimato sarebbe un cartone di Walt Disney. Mi ha rallegrato una giornata piuttosto pesa... grazie
    ps: lo passo a mia suocera, casalinga a tempo pieno, e regina della casa... sarà parente del tuo cuoco?
  • francesca cuccia il 11/03/2010 15:40
    Bella favola di San Giuseppe, ricordo anche io da piccola quando mia nona e mia madre li faceva, io guardavo da bambina disinteressata, oggi ricordo ben poco, ma so che sono buone, grazie dei ricordi che mi regali, bella e bravo é stato molto bello leggere una favola oggi diventando un po bambina ciao.
  • Anonimo il 10/03/2010 20:34
    Anche io adoro le favole.. Bravo Pompeo!

    Giuseppe.
  • Anonimo il 06/03/2010 12:27
    Non sono più giovanissima, ma ti assicuro che ADORO le favole... mi permette di sognare. Grazie Don per questo BELLISSIMO racconto... mi hai commosso. Onoratissima.
  • alice costa il 06/03/2010 11:18
    ma è bellissima...
    non potevi saperlo ma le zeppole sono le mie... preferite!!!!!!!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0