accedi   |   crea nuovo account

La liberazione della regina di Gerusalemme

Erano da poco calate le tenebre, quella notte, quando dal castello prospiciente il Monte del tempio, furono udite forti grida che squarciarono il cielo sopra la colonna cavalcante di sette templari di ritorno dalla perlustrazione della valle a ridosso di Gerusalemme. Tutti i cavalieri si fermarono all'unisono e il primo di essi, tale Goffredo, alzò la mano indicando il maniero donde provenivano le grida. Armati di coraggio, e della propria spada, si mossero verso il pendio, attraverso un sentiero costeggiato da alberi di ulivo, che davano ampio riparo da eventuali occhi nemici.
Giunti a ridosso del fossato, sguainando le spade si mossero circospetti verso un lucernaio a destra del portone accanto alla torre sud. Altre forte grida, proveniente proprio dalla torre sud, gelarono i due cavalieri più vicini. Questi, lanciando le funi, si apprestavano a salire di soppiatto fino alla sommità della torre, con l'intenzione di sorprendere le sentinelle di vedetta.
Una di queste, si accorse di quanto stava accadendo, e mentre sciabolava la propria spada con l'intenzione di tranciare la fune, venne fulminato da un violento colpo al capo, procuratogli dal secondo cavaliere che a distanza di pochi metri dal primo, lestamente era riuscito a salire sulle mura merlate che congiungevano le torri. I due templari, di nuovo uniti, si mossero carponi verso l'entrata superiore della torre dove si intravedeva una ripida scalinata.
Un'assonnata sentinella presidiava l'accesso, ma un colpo al capo, ne assicurò rapidamente un sonno profondo. Non c'erano più ostacoli, oramai, dieci gradini scesi in un baleno e i due eroi si trovarono innanzi ad una nobildonna con le mani legate a due pesanti catene di ferro ancorate al muro in pietra. Due fragorose scintille, seguirono ad altrettanti due colpi di spada ben assestati e le catene spezzate caddero a terra. Il più robusto dei due cavalieri caricò il debole corpo della nobildonna sulle spalle, mentre l'altro circospetto e la spada in pugno si ergeva a scudo mentre si apprestavano alla ritirata.
Non incontrarono resistenza. Ad attenderli gli altri cavalieri, che diedero manforte nel tensionare le funi e rendere facile la discesa dalle mura. Ritrovatisi tutti, i sette templari, rapidamente si dileguarono, finchè giunti a ridosso della città santa, ormai salva, la nobildonna venne rianimata. Aprì gli occhi, e al primo battito delle palpebre, le fu chiesto con voce corale dai cavalieri: chi sei e qual è il tuo nome. Sono Barbara, Barbara di Payns, regina di Gerusalemme.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • tania rybak il 15/03/2010 23:45
    molto bello e scorevole
  • Anna G. Mormina il 15/03/2010 16:00
    L'ho letto tutto d'un fiato perchè, pur non essendo un'esperta, le vicende dei Templari, mi hanno sempre affascinata!... certo il fatto d'aver liberato proprio la regina di Gerusalemme, deve aver lasciato di stucco i due nobili cavalieri... racconto molto ben scritto, complimenti Fuvell!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0