PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mamma, Non Funziona Così

Io ed i miei amici, in quest'auto bianca, l'Audi 80 del padre del mio compagno ubriaco fradicio, che bella che è stata questa serata in discoteca, stasera ero io quello che non dovevo bere molto, infatti sto guidando, mi sarò bevuto solo un cocktail o due, non ricordo nemmeno quale. Sì, questa serata è stata magnifica, ho ballato con una ragazza, non ricordo come si chiama.. Bon ho il nome salvato sul cellulare, com'è bella, i suoi capelli neri e lisci son fantastici, quegl'occhi chiari che ho guardato tutta la sera son stupendi. Un bel naso non troppo grande ne piccolo, quelle labbra non molto carnose dove ci ho poggiato le mie sono magnifiche.
Le sue curve perfette come le dune del deserto, non è molto magra, quei chili in più la rendono bella formosa con delle maniglie dell'amore nemmeno troppo accentuate, un bel seno che avrà avuto la terza misura.
Un giorno di questi la chiamerò, magari domani stesso, ci vedremo per un caffè o una pizza o... Che importa, vedrò il suo dolce volto, accarezzerò le sue amabili guance, bacerò le sue labbra sotto il cielo stellato...
Che bello, mi piace guidare di notte, saran le 4. 30 di mattina, non c'è mai nessuno, soprattutto il sabato notte, sull'autostrada non ci sono nemmeno i camionisti. Mi piace guidare la notte, do un po' di gas in più all'auto, la spingo un po' più in là...
Ehi, ma cosa ca... porca di quella, ma che succede? L'auto sta sbandando, nooo, contro il guard raaaail!!!
... Ettore!! Ettore!!
La voce di mia madre, apro gli occhi:è lei alla mia destra... Non avrei mai immaginato di vedere mia madre in una situazione tale, con quelle lacrime agli occhi che non capisco. Nell'ambulanza hanno appena caricato due dei miei compagni e sta partendo. Un soccorritore alla mia sinistra cerca di spiegarmi tutto ciò com'è successo, guardo mia madre e me lo dice lei:l'auto ha sbandato su una chiazza di ghiaccio, ieri aveva piovuto e un tir che era dietro non ha avuto il tempo di scansarci e quindi un mio amico è morto all'impatto... I due che sono sull'ambulanza hanno più speranza di me, così mi spiegano. Tutto in un attimo è successo, non me sono accorto.
Non mai stato meglio di ora, mia madre che mi accarezza il volto sporcandosi di sangue la mano ed i suoi vestiti firmati. Dice che mi ama, proprio come lo dice a mio padre, in più ha solo le lacrime agli occhi e quelle gocce che sul mio corpo cadono non le riesco a sopportare.
Mai, mai, prima di questo momento mia madre mi aveva mostrato tutto l'amore che aveva per me, in 20 anni questi gesti mi son sempre mancati, perché solo ora che sto morendo? Mamma, non riesco a capire perché.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Noir Santiago il 08/09/2010 11:03
    Messaggio perfetto. Ne ho visti morire diversi, proprio mentre si sentivano padroni della notte e invulnerabili. Ho perso anche qualche amico così.
    All'inizio mi sembrava monotono, ma il finale è perfetto, riscatta tutto il racconto.
    Hai uno stile scorrevole, i periodi sono ben legati insieme, non è un scrittura spezzata.
    Direi che valutando tutto, io darei 4 stelle.
  • Anonimo il 08/09/2010 09:22
    A me è piaciuto proprio perchè si sente che è scritto di getto, può rispecchiare l'esperienza e i pensieri di un ragazzo qualsiasi. Bravo!
  • Anonimo il 05/04/2010 01:27
    La domanda è retorica.. perchè manifestare i propri sentimenti nei momenti più critici della nostra esistenza? Mi auguro che il brano non sia autobiografico... e mi auguro che funga da riflessione per tutti quelli (me compresa..) sono riluttanti a pronunciarsi in campo affettivo. Grazie x averci regalato questo spunto... convengo con il commento che mi precede... 1occhiata alla punteggiatura, i contenuti ci sono e potrebbero rafforzarsi. Alla prossima.
  • Anonimo il 23/03/2010 14:16
    Bella idea... originale; si nota che l'hai scritta di getto, e questo è un pregio, indica facilità di scrittura. Devi solo correggere qualche refuso, alcune dimenticanze di punteggiatura e qualche virgola che, se messa al punto giusto, permette pause di riflessione. Sono anch'io come te, non rileggo mai quello che scrivo e poi mi accorgo delle dimenticanze. Vabbè... cmq bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0