PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io, dentro la grande tela

Mi piace il verde.
Il mio lavoro, la mia vita, si sono sempre divisi tra il verde di questo prato e i depositi dove, insieme a tante altre come me, sono costretta, immobile, ad aspettare.
Mi piace il verde, ho detto.
Mi piace quando è asciutto, pulito, liscio.
Non è sempre così.
Quante volte il prato dove lavoro è bagnato, e quante volte è sporco, polveroso, nemmeno più verde!
Quanti prati sono pieni di buche!
Il mio è un lavoro duro. Il contratto mi impone di subire continue violenze, ed è considerato tanto più bravo chi è più preciso, o più energico, o più tempestivo e veloce nel procurarmele.
Precisi non lo sono sempre. Quando accidentalmente mi scagliano fuori dal prato, mi sostituiscono con una collega, del tutto uguale a me.
A me piace quando, facendomi rientrare nel prato, vengo afferrata da mani robuste, e lanciata sul petto (sì, preferisco sul petto) dell'altro uomo, vestito nello stesso modo.
Non mi piace quando - è capitato anche questo - vado incidentalmente ad incocciare, con tutta me stessa, i coglioni di qualcuno.
Mi piace quando qualcuno tenta di afferrarmi, ma non ci riesce; ed allora capita di imbattermi in una grande tela, a larghe maglie. Ed allora c'è, nel prato, un grande movimento: tanti sono felici, radiosi, tanti altri - con un vestito diverso - sono tristi, o raggelati, delusi. Anche rabbiosi.
Ho compreso di essere io la protagonista. Questo lavoro è spettacolare. Io però mi prendo, mi sembra, solo il peggio: i calci, dovunque.
Chi mi guarda mi ignora. Guarda, apprezza, critica, commenta, paga solo loro: quelli che mi maltrattano.
Oggi è stata una serata speciale.
Appena entrata, un triste argentino mi ha scaricata ad un calvo basso olandese - sguardo intelligente, gelida determinazione - che mi ha subito destinata ad un africano gentile e sorridente. Mi ha accolta con dolcezza e dopo sei passi veloci mi ha spedita verso l'angolo basso della grande tela.
Non mi hanno mai guardata - decine di migliaia, decine di milioni - con tanto stupore.

Londra, 16 marzo 2010: Chelsea-Inter 0-1; goal di Eto'o al 78. mo.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 15/02/2011 22:34


    Suz
  • Maria Lupo il 27/06/2010 01:52
    Riletto con piacere.
    Perchè non provi a riscriverlo applicandolo ai recenti eventi... mondiali?
    In questo caso si perderebbe il mistero ma il testo potrebbe essere inserito in "racconti dell'orrore". Pensaci...
  • Gianmarco Dosselli il 26/06/2010 20:53
    Santi numi! Io credevo che... ma sì, spesso nei racconti l'ultima frase è la più gigantesca espressione chiarificatrice! Dal fiato sospeso, si arriva a trarne respiro normale. Opera geniosa!
  • luigi deluca il 25/03/2010 18:36
    oh, giuro che l'ho capito subito, che a "parlare" fosse la sfera più idolatrata del mondo ) potevi, dunque, evitare di indicare la "partita" che ti ha ispirato questa novelletta
    ciao
    gigi
  • Maria Lupo il 23/03/2010 00:06
    Dovresti renderlo un po' più misterioso. A parte questo, è un esercizio di stile veramente raffinato a cui non manca una venatura sentimentale.
    Chi sono "il triste argentino"e "il calvo basso olandese"?(si vede che non sono un'interista e neanche una informatissima di calcio ma una banale tifosa occasionale del Napoli...).

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0