accedi   |   crea nuovo account

Valeria

Bidella. 54 anni. Sposata, con un figlio: uno di quei bamboccioni.
Suo marito vota PdL, vorrebbe più zone incementate. Lavora nel ramo metalmeccanico, o per meglio dire, da un anno e mezzo è cassaintegrato.
Lei è morta, stroncata da un malore, senza aver fatto la tinta.
La sua epigrafe recita: "Un solo rimpianto nella vita".

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 03/06/2011 10:21
    Breve
  • Anonimo il 12/10/2010 21:56
    peccato tu sia sparito, piccolo...
    mi stavo cominciando a divertire... ma capisco... il luogo... la compagnia... capisco!

    spero tu sia approdato in lidi più dorati...
  • Alessandro Venturelli il 26/03/2010 20:50
    Hugo l'avrebbe chiamata miserabile.. la miseria dell'amore la miseria dell'anima che tuttavia tenta un ultimo slancio di sopravvivenza facendo della piccole gioie quotidiane il senso dell'esistenza. Martire di una società meccanica
  • Anonimo il 26/03/2010 19:53
    Non ho sbagliato a inviare, Collettivo Seppuku, è che i miei commenti sarebbero di una banalità tale che lascio scrivere alle dita senza dare loro consigli dissennati, allo stesso modo nel quale furono incisi i dodici comandamenti o i dieci apostoli, non ricordo bene.
  • Danl Or il 26/03/2010 19:46
    Oppure una giusta fine.
  • Anonimo il 26/03/2010 19:42
    È chiaro che non ti sei sposata uno del Pdl, altrimenti i tre metri di terra sembrerebbero un paradiso anche a te...
  • Danl Or il 26/03/2010 19:40
    Non credo Valeria sia in paradiso, la vedo sotto a tre metri di terra.
  • Collettivo Seppuku il 26/03/2010 19:35
    Hai sbagliato ad inviare?
  • Anonimo il 26/03/2010 19:20
    Lo vide da lontano, e Lui era candido come se lo era immaginato: imponente e quadrato come una pietra angolare, infilato in un abito lungo e bianco senza una scucitura che sfiorava, in ampie volute non alzate dal vento, il cancello dorato e, come temeva, i lunghi capelli mossi che gli scendevano sulle spalle erano di un bel biondo mesciato multicolor, precisi alla foto sull'etichetta del flacone di "Testa nera" che aveva lasciato, intatto, sul bordo della vasca... Se San Pietro non l'avesse fatta entrare in paradiso non avrebbe saputo dargli torto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0