PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Casa mia dolce casa

Era soddisfatto della sua invenzione:
raggio fulminante anti intrusioni.
Aveva anche scritto un trattato sull'argomento:
"Uso intelligente del laser a comando vocale".
Il sistema era controllato
da una combinazione numerica
da lui solo conosciuta.
Quella mattina,
forse per un brutto sogno,
o una crisi esistenziale,
ebbe un dubbio sulle ultime cifre.
Rimase immobile,
combinando numeri per ore,
infruttuosamente.
È ancora lì,
immobile,
cerca di ricordare.

 

l'autore Dino Borcas ha riportato queste note sull'opera

in: Dino Borcas - Piccoli crimini quotidiani - Ed. Il Ponte Vecchio, Cesena 2008
informazioni sul libro e altri brani in http://dinoborcas. it
14 video su www. youtube. com, con ricerca: Dino Borcas


0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Paola il 13/06/2014 14:50
    Molto carino!! Numeri maledetti!! 😀😀
  • Anonimo il 24/09/2010 16:21
    Hai uno stile originale! Mi piace
  • Anonimo il 22/04/2010 15:24
    Piaciuto, stranamente molto condiviso in sensazione ed espressività
  • Alberto Veronese il 07/04/2010 09:35
    piaciuto, complimenti. ciaociao.
  • rainalda torresini il 30/03/2010 18:48
    Profonda nella sua fantasia. Chi troppo vuole nulla stringe...
  • Anonimo il 30/03/2010 12:24
    Sono sempre le ultime cifre che ti fregano. Molto bella e significativa!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0