PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prosa vigliacca

Prosa vigliacca, su questa mano si è posata la tua ombra, in questa mente ha attecchito la tua farsa. Prosa vigliacca, ricordi nuvole soffici sfumate di rosso, soli incendiari, alberi mossi da venti lontani, sabbie alzate da rimorsi estivi, speranze morte con il gelo? Il ricordo, ora, è sfocato, nevvero? Beh, nulla di ciò è mai esistito! Era così vivida quella foschia settembrina che si adagiava dolcemente su case e chiese come un candido lenzuolo copre sinuose gambe femminili; potevi toccare con mano le labbra tumide di quella graziosa giovinetta che sorrideva alla vita inarcando la fronte; sentivi nell'aria l'odore di zolfo tra quelle bare fracassate che sotto una luna diafana spuntavano dalla terra bagnata come zanne d'avorio... credevi, vedevi, sentivi eppure mentivi prosa vigliacca, duttile amica di notti insonni, malsana accompagnatrice di pomeriggi vuoti, silenziosa ascoltatrice di peccati reconditi...
Mi rendevi bugiardo, ombre creavi, nemmeno l'imitazione ti riusciva finanche nel tuo crepuscolo dorato... gemevi, puttana, offrendo il culo ad una creatività appena un po' più sollecitata, ad una mente appena un po' più dannata, ad un cuore appena un po' più malato...
Bestemmiavi, talvolta, chiedendo sovente la giusta parte di te, di rado piangevi commossa dal tuo stesso afflato...
Ciò che creavi, quei volti di plastilina, quei lineamenti di burro, in breve tempo rinnegavi maledicendo te stessa, implorando perdono...
Il fango delle tue odiate creazioni si disgregava al sole di una nuova giornata e le tue bugie rimanevano sul foglio, prosa vigliacca...
Mentivi, mentivi, mentivi...
E continui a mentire brutta stronza, amica mia...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Verdiana Maggiorelli il 14/11/2011 16:22
    Anche qui, la prosa vigliacca ti ha preso la mano
    e ben venga che continui a mentire, se crea interesse.
    A me ne ha creato. Complimenti.
  • Marcello Insinna il 24/10/2011 19:07
    Mi piace molto. Verità o falsità? Che importa, quando tutto nasce per voglia di espressione.
    Bravo!
  • Anonimo il 20/09/2010 09:11
    In alcuni passaggi forse un po' eccessivo ma scritto bene.
  • Lele M. il 19/09/2010 11:38
    Capisco cosa intendi. Diciamo che il mio più che una critica era una nota sulla mia personale visione della cosa. Comunque, ti ripeto, lo "scritto" in sè mi è parso interessante.
  • Francesco Scardone il 19/09/2010 01:15
    Io la vedo come una rabbia sincera di chi scrive e non può "fermare" quello che ha scritto per renderlo "reale". E poi, a mio parere, in ogni scritto, anche in quello migliore, c'è sempre un tantino di falsità(la rabbia per non riuscire ad essere veri fino in fondo nemmeno quando si fa la cosa che più si ama). Alla fine, però, alla rabbia si sostituisce l'amore verso tale cosa che, per quanto falsa e illusoria, è la cosa più "vera" che si possa pretendere di avere.
  • Lele M. il 18/09/2010 20:01
    Scegli: "Bel racconto" "Mi piace" o "Bellissimo"?

    Sarcasmi a parte, l'argomento che affronti non è da poco: la falsità della creazione letteraria. Ciò che non mi convince è il tono arrabbiato che a volte smentisce se stesso e soprattutto mi sembra sproporzionato alla colpa effettiva: quella di aver creato finti paesaggi, luoghi..."cose". Peggio sarebbe stato se ti avesse mentito su fatti e persone, peggio se avesse celato a te stesso aspetti di te che volevi raccontare. Di fatto non è scritto per niente male, anzi; ma ho come tutta questa rabbia suona artificiosa, falsamente folle.
  • Giuseppe Tiloca il 24/08/2010 17:09
    Di un linguaggio forse un po' difficile per me, comunque letto, con piacere.
  • Giacomo Scimonelli il 20/07/2010 13:04
    bel racconto... complimenti
  • Anonimo il 05/05/2010 16:01
    Mi piace. Peccato che su questo sito i racconti, rispetto alle poesie, sono meno apprezzati. ciao
  • Anonimo il 17/04/2010 21:59
    Bello. Mi piace.


  • Francesco Scardone il 17/04/2010 15:42
    un piccolo scritto di un po' di anni fa...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0