PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pommes de terre à la française

Nel regno della cucina, che ben conosciamo, le due principessine, Alice e Paoletta, vogliono aiutare il nonnino, il nostro bravo cuoco brillo ma non troppo.
Da una grande finestra a vetri colorati, dei bellissimi raggi di sole penetrando accarezzano le chiome variopinte delle bambine, colpendo anche il tavolo di lavoro dove appaiono più in evidenza un mucchietto di patate, delle belle salsicce e delle uova.
Alice vorrebbe lavare le patate e senza sbucciarle metterle in pentola per poi bollirle. Ma nel prendere l' acqua dal rubinetto, essendo troppo piccola, scivola e cade, facendosi male ad un ginocchio che sanguina un poco. Interviene Paoletta lesta lesta e la disinfetta, provocando ad Alice, però, un pizzicore forte per via dell'alcol, ed una delle sue lacrimucce cade sopra uno spiritello appartenente ad un dei tanti globuli rossi, inondandolo letteralmente.

Lo spiritello:

- Fai attenzione figliola mia, quasi quasi mi affogavi.

Alice:

- Scusami, ma chi sei? Dove sei?

Lo spiritello:

- Sono proprio qui, dentro la ferita e sono uno spiritello, appartengo ad un globulo rosso.

Alice:

- Sei solo?

Lo spiritello:

- Macché, oltre ai globuli rossi e sono tanti, tantissimi, ci sono anche i globuli bianchi, ed io infatti sono fidanzato proprio con uno spiritello femmina di un globulo bianco, nostro vicino, ed inoltre ci sono anche le piastrine che non stanno mai ferme.

Paoletta non si accorge di nulla, sa solo che la cuginetta non piange più e lascia fare.

Alice: (rivolta sempre allo spiritello)

- Siete dunque esseri viventi?

Lo spiritello:

- Si!

123

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Marcello Piquè il 19/12/2011 12:11
    bellina e appetitosa. del resto non si può mangiuare da malati tutta la vita per morire sani e per quanto riguarda il colesterolo io ho un rimedio, non fatevi le analisi !!!! buon natale
  • Anonimo il 17/04/2010 00:41
    Buona, letta con molta brama, quasi divorata.
  • Paola B. R. il 15/04/2010 19:25
    Riscritta così è ancora meglio della precedente!!!
    Bella, una favola nella vita di tutti i giorni!
  • alice costa il 15/04/2010 17:34
    ... bella la fiaba, squisita la ricetta...
    la pasticciona alice
  • nicoletta spina il 14/04/2010 22:59
    È sempre un piacere leggere i tuoi racconti.
    Bravissimo scrittore di parole e fantasia, fai un'ottima pietanza che ha il sapore di favola e non solo...
  • tania rybak il 12/04/2010 16:57
    bellissima favola, ottimi consigli, pure io ogni tanto mi invento queste cose e gli racconto ai miei bambini, bravissimo
  • Anonimo il 12/04/2010 16:03
    Complimenti Don una bellissima favola letta con molto piacere.. seguirò la tua ricetta poi ti saprò dire! Bravissimo!!!
  • Anonimo il 12/04/2010 15:13
    Si sente tutta la tua passione per queste cose. È una ricetta da sperimentare!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0